Quantcast

I petrolieri americani beneficiati nonostante Greta

Redazione Web
I petrolieri americani beneficiati nonostante Greta

I produttori di combustibili fossili negli Stati Uniti stanno beneficiando direttamente di sussidi impliciti dell'ordine di 62 miliardi di dollari all'anno a causa di una tariffazione inefficiente che non tiene conto correttamente dei costi dei danni all'ambiente, al clima e alla salute umana. Altro che Greta e le sue prediche: si sta verificando l’opposto!
Questa è la conclusione di uno studio appena pubblicato nei Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) dal professore Matthew Kotchen della Yale School of the Environment Economics che ha analizzato benzina, gas naturale, diesel e carbone.
Il sussidio implicito annuale totale è equivalente a una media del 3% del prodotto interno lordo degli Stati Uniti, secondo lo studio che ha esaminato i dati dal 2010-2018. Ma l'obiettivo principale della ricerca di Kotchen è la parte di questo importo che beneficia direttamente i produttori di combustibili fossili. E questo si traduce in grandi importi per le singole aziende a causa del numero relativamente piccolo di produttori di combustibili fossili.
I risultati chiariscono perché molti nell'industria dei combustibili fossili si oppongono ad una riforma normativa più efficiente per affrontare il cambiamento climatico, perché possono sostenere una politica debole piuttosto che efficiente, o entrambi.
"Le compagnie di combustibili fossili traggono un grande vantaggio perché i prezzi attualmente non riflettono i costi ambientali e sociali associati alla produzione e al consumo di combustibili fossili", dice Kotchen. "Un cambiamento influenzerebbe davvero i loro profitti, e questo studio stima quanto".
I produttori di petrolio beneficiano maggiormente del sussidio implicito, con la benzina e il diesel che portano 45 miliardi di dollari combinati nel 2018. L'industria del carbone ha incassato 9 miliardi di dollari, dove i benefici specifici dell'azienda superano il reddito netto per la maggior parte delle aziende, ha scoperto Kotchen. Le due maggiori compagnie di carbone, Peabody Energy e Arch Coal, hanno ricevuto un beneficio annuale di 1,56 e 1,01 miliardi di dollari.
Tra i produttori di gas naturale, EQT ha beneficiato maggiormente, catturando 696 milioni di dollari su un totale di 17 miliardi di dollari per l'industria. Tra gli altri beneficiari significativi nel gas naturale, benzina e diesel ci sono ExxonMobile con oltre 700 milioni di dollari, BP con 544 milioni di dollari, Cheseapeake Energy Corp. con 448 milioni di dollari, Chevron con 427 milioni di dollari e Saudi Aramco sul mercato internazionale con 3,09 miliardi di dollari di benefici.
Mentre la nazione cerca modi per mitigare i cambiamenti climatici e i danni ambientali derivanti dalla produzione e dall'uso dei combustibili fossili, i risultati possono aiutare a informare la legislazione e la politica. Mentre un sacco di ricerche esistenti si concentrano sulla stima dei costi esterni non valutati dei combustibili fossili, questo studio è il primo a rintracciare i benefici nei singoli produttori. "Speriamo che questi risultati contribuiscano ai dibattiti in corso sulla politica climatica ed energetica" dice Kotchen, "e che possano anche plasmare il modo in cui i politici vedono le prospettive di ulteriori sussidi in futuro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400