Quantcast

A Yale stanno trasformando il legno in bioplastica

Redazione Web
A Yale stanno trasformando il legno in bioplastica

In un nuovo studio della Yale School of the Environment, gli esperti hanno documentato una svolta nel convertire i sottoprodotti del legno in plastica di alta qualità. I ricercatori sperano di poter risolvere uno dei problemi ambientali più pressanti del mondo producendo bioplastiche sostenibili.
Fino ad ora, la produzione di bioplastiche è stata difficile. Richiede un processo costoso che coinvolge sostanze chimiche tossiche.
Il team di Yale ha creato un metodo molto più sostenibile di produzione di plastica rinnovabile decostruendo la matrice porosa del legno naturale. Il materiale risultante mostra un'alta resistenza meccanica, stabilità quando tiene i liquidi, e resistenza ai raggi UV, hanno detto i ricercatori.
La bioplastica a base di legno può essere riciclata o biodegradata in modo sicuro nell'ambiente naturale, e ha un minore impatto ambientale nel corso del suo ciclo di vita rispetto ad altre plastiche biodegradabili.
"Ci sono molte persone che hanno cercato di sviluppare questo tipo di polimeri in plastica, ma i fili meccanici non sono abbastanza buoni per sostituire le plastiche che usiamo attualmente, che sono fatte principalmente da combustibili fossili", ha detto il co-autore dello studio, il professor Yuan Yao.
"Abbiamo sviluppato un processo di produzione semplice e diretto che genera plastiche a base di biomassa dal legno, ma anche plastica che offre anche buone proprietà meccaniche".
Il professor Yao ha condotto una valutazione completa del ciclo di vita per testare l'impatto ambientale della bioplastica rispetto alle plastiche comuni. I fogli di bioplastica che sono stati sepolti nel terreno si sono fratturati dopo due settimane e si sono completamente degradati dopo tre mesi.
Inoltre, gli esperti riferiscono che la bioplastica può essere scomposta, riciclata e riutilizzata.
"Questo, per me, è ciò che rende davvero buona questa plastica: può essere tutta riciclata o biodegradata", ha detto il professor Yao. "Abbiamo ridotto al minimo tutti i materiali e i rifiuti che vanno in natura".
Il co-autore dello studio, Liangbing Hu, è professore al Center for Materials Innovation dell'Università del Maryland. Ha spiegato che la bioplastica ha numerose applicazioni. Può essere modellata in una pellicola per l'uso in sacchetti di plastica e imballaggi, il che aiuterebbe ad eliminare una delle principali fonti di rifiuti plastici. La bioplastica può anche essere modellata in forme diverse, secondo il professor Hu, e ha un potenziale per l'uso nella produzione di automobili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400