canottaggio

Si chiama “Never Stop: Storia di una barca e di una medaglia d’oro” il progetto editoriale presentato da Fujifilm Italia il 2 febbraio nella cornice di Combo Milano. Questa opera è stata scritta dalla nota scrittrice ed avvocato Ester Viola, in collaborazione con la Gazzetta dello Sport e la Federazione Italiana Canottaggio (FIC). Il progetto racconta la storia delle atlete Federica Cesarini e Valentina Rodini, da due giovani studentesse con la passione per il canottaggio a due campionesse olimpiche. Si tratta di una storia di ispirazione e di speranza, che dimostra come l’impegno e la dedizione possano portare a grandi traguardi.

Da sempre desidero spendermi in prima persona per valorizzare le figure femminili negli ambiti in cui questo mi è possibile. Spiega Luana Porfido, European Head of Corporate Communication and ESG Management FUJIFILM Europe GmbH Penso che chi opera con determinazione e costanza per ottenere dei risultati debba essere portato ad esempio per contribuire a diffondere il più possibile la mentalità sportiva nella vita di tutti i giorni. Grazie alla campagna mondiale “Never Stop” di Fujilfim diamo voce a iniziative e progetti divulgativi per raccontare l’impegno dell’azienda a non fermarsi mai, e continuare ad evolvere in ogni contesto.”

canottaggio

Fujifilm da sempre in prima linea per il canottaggio

Fujifilm è un partner ufficiale della Federazione Italiana Canottaggio dal 2016, e quest’anno ribadisce ancora una volta il proprio sostegno alle atlete femminili della nazionale. Due storie che partono e si intrecciano lungo il cammino, crescono, si evolvono e si arricchiscono di elementi che le rendono uniche, sono caratterizzate da determinazione, resilienza, dedizione e sana competizione. Questi stessi valori sono alla base della filosofia di Fujifilm, che sostiene le atlete italiane e le loro storie.

I riconoscimenti alle emergenze italiane

Storie come quelle di Federica e Valentina. Il claimNever Stop” vuole proprio significare la dedizione a perfezionarsi per offrire alla società sempre nuovi servizi e soluzioni e per garantire il benessere delle persone.

Durante l’evento, infatti, l’azienda giapponese ha consegnato dei contributi a sostegno dell’attività sportiva a sette giovani atlete azzurre, che si sono particolarmente distinte nella carriera agonistica, conquistando risultati significativi sui campi di regata internazionali.

Da Federica Cesarini e Valentina Rodini, le giovani campionesse che alle ultime olimpiadi hanno scritto la storia del canottaggio femminile vincendo la prima medaglia d’oro gareggiando sul Doppio Pesi Leggeri, alle azzurre Aurora Spirito, medaglia d’argento ai mondiali junior nel Singolo, Clara Guerra, Valentina Iseppi, Silvia Terrazzi, Alessandra Montesano, due di loro quarte classificate a Tokyo 2020 sul Quattro di Coppia.

L’evento, moderato da Danda Santini, direttrice di IO Donna, ha visto l’intervento di Kai Fukuzawa, Presidente e Managing Director di Fujifilm Italia, e di Giuseppe Abbagnale, Presidente della FIC, ex canottiere italiano e pluricampione olimpico.

canottaggio

Lo sport femminile ha bisogno di sostegno

Secondo un report dell’Osservatorio sullo Sport System Italiano, solo il 37% delle donne in Italia praticano sport, un dato non soddisfacente. Per promuovere e sostenere la cultura sportiva femminile, Fujifilm si impegna attraverso progetti, iniziative e interventi a favore del movimento rosa. Queste azioni rientrano nel lungo percorso di Corporate Social Responsibility (CSR) dell’azienda, che da anni lavora per contribuire allo sviluppo sostenibile e migliorare la qualità della vita delle persone. Lo sport rappresenta un motore di crescita e benessere con ricadute positive sulla salute dei cittadini, sullo sviluppo degli individui e sull’integrazione sociale. Fujifilm, con i suoi progetti e iniziative, si impegna a promuovere e sostenere la cultura sportiva femminile, contribuendo così allo sviluppo sostenibile e al miglioramento della qualità della vita delle persone.

LEGGI ANCHE: Canottaggio inclusivo: al via “La Grande Discesa” a remi del Danubio

Infine, Ruggero Alcanterini, presidente del Comitato Nazionale Italiano Fair Play, ha consegnato i due premi Fair Play: uno all’ASD Sportivamenteinsieme che opera presso il Circolo Sportivo Canottieri RAI a Roma, per il progetto “Il canottaggio sociale, sport terapia integrata rivolto alle donne che hanno subito una mastectomia e l’altro alle atlete olimpiche, Valentina Rodini e Federica Cesarini, per il progetto Avocado che coniuga sport e istruzione. Il primo progetto vede le donne e il canottaggio protagonisti di un percorso riabilitativo, dove il gesto tecnico riconduce ad una corretta comunicazione tra mente, corpo e spirito e lo sport ad una più profonda consapevolezza dei propri limiti e del lavoro di squadra, dentro e fuori la barca. Il secondo, invece, vede la collaborazione delle due atlete con l’azienda lombarda DiBi, che insieme hanno realizzato una linea di body sportivi a loro nome, personalizzata e creata con materiale riciclabile, il cui ricavato è stato devoluto per due borse di studio per studenti e atleti della categoria giovanile juniores della Federazione Italiana Canottaggio.

Never Stop fa oramai parte del progetto femminile federale, sviluppato con FUJIFILM, che ha raggiunto l’apice con la conquista della medaglia doro olimpica da parte delle straordinarie atlete Federica Cesarini e Valentina Rodini -aggiunge Giuseppe Abbagnale, presidente della Federazione Italiana Canottaggio. Due fantastiche ragazze che continuano la loro corsa verso i Giochi di Parigi 2024, sempre con al fianco FUJIFILM partner federale, che con dinamismo e creatività continua a regalare momenti di condivisione a tutti mettendo in campo anche la bella iniziativa del fumetto dedicato alle due campionesse. È anche grazie a queste iniziative se il canottaggio femminile continua a registrare una buona crescita tra gli sport olimpici. Bellissima anche lidea di assegnare sia un riconoscimento al quattro di coppia, e alle atlete che attualmente lo compongono, per mantenere vivo linteresse per questa specialità che a Tokyo 2020 si è fermata piedi del podio, che a unatleta emergente protagonista nel singolo under 19. Grazie FUJIFILM!