Deloitte Legal ha istituito un Desk Israele, con un Team delle diverse service line di Deloitte Italia, per fornire assistenza e consulenza alle imprese italiane nelle loro relazioni con il mercato israeliano e, al contempo, per accompagnare e affiancare le aziende israeliane che intendono investire e realizzare progetti in Italia. 

Scambi commerciali e scientifici tra Italia e Israele

“L’obiettivo principale del Desk Israele – dichiara Barbara Pontecorvo, partner responsabile dell’ufficio di Roma di Deloitte Legal e responsabile del Desk – “è quello di sviluppare e incentivare scambi commerciali e scientifici tra Italia e Israele. I due Paesi hanno da sempre strette relazioni e l’interesse delle rispettive imprese per un ulteriore sviluppo dei rapporti commerciali è in continua crescita ed espansione”. 

Il Desk Israele si avvale di un team cross-funzionale composto da circa 10 professionisti provenienti dalle diverse aree del network, in grado di offrire un’assistenza professionale ad ampio raggio alle imprese. 

Il Desk Israele di Deloitte Italia lavorerà in stretta collaborazione e in un’ottica di creazione di sinergie con Deloitte Israele, che a sua volta ha costituito un team dedicato, per affiancare le aziende locali che vogliono investire in Italia e in parallelo per supportare l’attività delle imprese italiane nel territorio israeliano. 

Punto di riferimento tra imprese italiane e israeliane

“Israele – prosegue Barbara Pontecorvo – è un Paese con il quale storicamente l’Italia ha un intenso interscambio commerciale, soprattutto nel settore dell’innovazione. Con il nuovo desk ci proponiamo di fornire alle aziende italiane e israeliane un’assistenza completa nell’ambito dei servizi professionali grazie a una progettualità che ci permetterà di agire da ponte tra i due Paesi.”

“La stretta collaborazione con i colleghi israeliani di Deloitte, unita alla particolare sensibilità e allo spiccato approccio interculturale che caratterizza i professionisti del Desk Israele – conclude Barbara Pontecorvo – ci rendono fiduciosi di poter diventare un punto di riferimento sia per le imprese italiane che intendono operare e investire in Israele, sia per le società israeliane che guardano con sempre più interesse alle opportunità offerte dall’Italia nei diversi settori”.