Mario Bini, Head of Marketing Italy di N26

In un periodo in cui l’economia è una tema di attenzione, la qualità degli istituti di credito diventa di conseguenza una tematica di rilievo. E’ evidente che deve seguire la tendenza delle richieste dei propri clienti e rispondervi in modo tempestivo ed efficiente. Tecnologia digitale e Intelligenza artificiale vengono certamente in aiuto. Ma poi come si certifica la qualità di una banca?

Per esempio tramite il test di un ente indipendente che conduce analisi di prodotti, aziende e servizi, leader europeo dei test e dei sigilli di qualità con l’obiettivo di rendere più trasparenti e competitivi i mercati.

La banca digitale N26 che ha puntato sulla bontà del proprio Contact Center ha ottenuto il riconoscimento “Top Contact Center” secondo lo studio condotto dall’Istituto Tedesco Qualità ITQF, che ha individuato le eccellenze del customer care tramite tre canali: chat, telefono e email.

Raccolte 95.000 opinioni di clienti

Tramite un sondaggio rappresentativo, ITQF ha raccolto circa 95.000 giudizi di clienti che hanno permesso di selezionare le aziende che si sono distinte nell‘ambito del supporto ai clienti in Italia. Solo alle aziende con i migliori centri di contatto viene attribuito il sigillo “TOP CONTACT CENTER“.

L’offerta si evolve col giudizio della clientela

«Siamo molto orgogliosi del riconoscimento ottenuto dall’Istituto Tedesco, che ci conferma che la direzione intrapresa da N26 per la comunicazione con i propri clienti sia quella giusta” –  commenta Mario Bini, Head of Marketing Italy di N26 – L’offerta di N26 nasce e si evolve in base alle esigenze dei nostri clienti, ai quali vogliamo assicurare ogni giorno un’esperienza bancaria sempre più semplice e personalizzata, sicura e trasparente. Comunicare in maniera chiara è una parte fondamentale di questo percorso e siamo orgogliosi che i consumatori italiani abbiano premiato la qualità e l’efficienza del nostro servizio di assistenza».

«Oggi, in un mondo completamente digitalizzato, anche questi servizi devono evolvere. Per rispondere a questa necessità, ad esempio, abbiamo sviluppato Neon, un chatbot basato sull’intelligenza artificiale che “parla” cinque lingue, è disponibile 24/7 ed è in grado di rispondere al 30% delle domande più comuni dei nostri clienti. Un ottimo supporto, al fianco degli agenti professionisti che rispondono in lingua italiana sia in chat che telefonicamente e che sono al centro della soddisfazione dei nostri clienti” – conclude Bini»

A marzo di quest’anno, inoltre, l’Istituto ITQF aveva già inserito il conto corrente digitale N26 tra i più apprezzati dai clienti italiani nel segmento “TOP Qualità-Prezzo 2022”, ovvero tra le aziende che hanno raggiunto un voto superiore alla media del loro settore di appartenenza.