Mondo Convenienza
MONDO CONVENIENZA NEGOZIO

Consegne non complete e non conformi agli ordini e poca collaborazione con i consumatori che presentavano reclami: Mondo Convenienza finisce nel mirino dell’Antitrust che le ha comminato una multa da 3 milioni e 200 mila euro. Secondo quanto scrive l’Antitrust: «La società ha adottato condotte illecite nelle fasi di consegna e di montaggio dei mobili e degli arredi e ha ostacolato i consumatori nella fruizione dei servizi post-vendita».

Mondo Convenienza non ha rispettato il Codice del Consumo

Le accuse rivolte all’azienda specializzata nella vendita e nella consegna a casa dei mobili da parte di Agcm sono piuttosto pesanti. Scrive l’Autorità nella sua requisitoria: «Pur consapevole dell’elevato numero di consegne di prodotti non completi e non corrispondenti agli ordini o non in perfette condizioni di utilizzo, la società non ha adottato comportamenti idonei a risolvere questi problemi, violando così l’obbligo di diligenza professionale previsto dal Codice del Consumo. Inoltre, ha ostacolato i diritti dei consumatori prevedendo tempistiche ristrette per il reclamo e limitazioni al diritto di ottenere la sostituzione dei prodotti stessi o la restituzione di quanto pagato». In sostanza l’accusa che ha toccato da vicino la realtà nota in tutta Italia è quella di aver limitato considerevolmente la libertà di scelta dei consumatori. Continua, infatti, l’Antitrust: «Queste infrazioni riguardano un’importante fase del rapporto di consumo ovvero l’esatta esecuzione del contratto di compravendita; in particolare la consegna completa e corretta del bene acquistato, la prestazione del servizio di assistenza post-vendita, il rimborso in caso di recesso e la previsione di misure compensative per i disagi subiti dai consumatori».

La replica di Mondo Convenienza

Subito dopo la comunicazione della sanzione da parte dell’azienda è arrivato un chiarimento nel quale si dice che è già stato messo in campo l’impegno per correggere gli errori commessi: «Mondo Convenienza – si legge in una nota – prende atto della sanzione che è stata comminata dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nonostante siano stati forniti, con grande impegno e con spirito di collaborazione, tutti gli elementi necessari a dimostrare la correttezza del proprio operato. Il gruppo ribadisce di avere già adottato ulteriori misure destinate a garantire servizi di qualità ancora maggiore e a soddisfare le richieste dei clienti, in linea con i principi di lealtà e trasparenza che da sempre ispirano l’attività».