Giorgia Meloni e Ursula von der Leyen
GIORGIA MELONI PREMIER URSULA VON DER LEYEN PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA

I migranti e il Pnrr sono stati al centro dell’incontro tra il presidente del consiglio Giorgia Meloni e la presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen. Il summit di oggi ha fatto seguito al colloquio di Bruxelles, che si è svolto in occasione della prima visita all’estero del presidente del consiglio. All’incontro di oggi ha partecipato anche il ministro Raffaele Fitto, che è a capo della cabina di regia del Pnrr. Proprio in queste ore il Ministero dell’economia e delle finanze ha inoltrato la richiesta per il saldo dei 21 miliardi che devono essere corrisposti all’Italia. L’incontro di oggi è stato anche propedeutico alla preparazione del prossimo consiglio europeo straordinario che è in programma il 9 e il 10 febbraio, che sarà dedicato in modo particolare l’economia e la migrazione. In tema di ripresa economica, è stato inoltre riaffermato l’impegno del Governo italiano sul Pnrr.

La condanna condivisa degli atti di violenza e la solidarietà col Brasile

Nel corso dell’incontro è stata anche condivisa la condanna per gli atti violenti in Brasile e la solidarietà alle istituzioni democratiche del Paese. E’ stata inoltre espressa soddisfazione per la firma, prevista domani a Bruxelles, della Dichiarazione congiunta UE-NATO, che ribadisce la posizione filo atlantista ed europeista dell’Italia sullo scacchiere internazionale, alla luce di quanto sta accadendo nella guerra russo-ucraina.

LEGGI ANCHE: Von der Leyen promette aiuti all’Ucraina e indipendenza energetica

Unità d’intenti tra Italia ed Europa

Nel primo pomeriggio, una volta concluso l’incontro, è arrivato il tweet di Ursula von der Leyen, che ha espresso soddisfazione per l’incontro con il presidente del consiglio italiano. “Un piacere incontrare Giorgia Meloni a Roma oggi. – ha scritto Von der Leyen – In vista del prossimo Consiglio Europeo abbiamo discusso di come continuare a sostenere l’Ucraina, garantire energia sicura e a buon mercato, promuovere la competitività dell’industria dell’Ue, fare progressi sul Patto sulla Migrazione. Abbiamo anche discusso dell’attuazione del Pnrr in Italia”.