Maxx Mereghetti, il gusto del tradingla passione della didattica sui mercati

I benpensanti della Borsa di un tempo, quella con le contrattazioni “alle grida”, potrebbero non capirlo, perchè Max (per la verità si fa chiamare Maxx, con due “x”) Mereghetti è un tipo colorito e sopra le righe, appunto fin dal nome: lo si capisce dalla foga con cui si esprime, con cui propone se stesso come modello di successo finanziario e promette di insegnare un metodo di trading borsistico capace, se ben applicato, di far ripetere potenzialmente a tutti i suoi stessi risultati. Niente di paragonabile al solito atteggiamento tetro, solenne un tantino funereo con cui spesso si esprimono i guru dei mercati finanziari, il tono di chi dice: “O vi affidate a me o se fate da soli vi schiantate”.

In realtà, Mereghetti ci mette la faccia, con il suo metodo. Non chiede a nessuno di affidarsi a lui: gli insegna come far da sé. E dà l’impressione di essere totalmente convinto di quel che dice, e quindi di quel che insegna. Dopo di che è evidente che se un allievo impara male o capisce poco, be’… non basta andare a scuola di calcio con un grande club di serie A per diventare come Ronaldo o Messi. Però se la scuola è buona, qualche gol lo si piazzerà in rete sicuramente.

Mereghetti si è specializzato in transazioni sul forex, ossia sui cambi valutari, nei quali dice di aver trovato grandi opportunità di guadagno, addiritttura il 43% in 6 mesi su un capitale iniziale di un milione: “Vedete? Tutto è possibile. Ma la notizia ancora più spettacolare è che i miei allievi ottengono oramai i miei stessi risultati sui loro conti di Trading Reali usando il mio sistema con successo”.
Ecco: questo è il punto, su cui è giusto lasciare la verifica agli interessati. Dice Mereghetti che “il mio sistema è estremamente semplice da usare, copiare, imparare e può essere usato su qualsiasi conto anche a partire da 1000 euro. È un sistema che opera su Forex, in qualsiasi cross, anche se io prediligo euro dollaro e questo non è certamente un segreto”.

Il cuore del sistema consiste nel sostituire il vecchio criterio dello “stop-loss”, in pratica il prezzo al di sotto del quale un operatore non scende e piuttosto esce dall’investimento, con “pratiche di aggiustamento della posizione, che segue i movimenti degli investitori istituzionali, anzichè tirar righe sui grafici con l’analisi tecnica, e che studia la volatilità al posto della precisione del prezzo. Insomma … un sistema innovativo e profittevole è adatto a tutti, anche a chi non ha una esperienza specifica e parte da zero!”