Logistica

InPost, azienda della logistica specializzata nelle consegne fuori casa, chiude il 2023 in crescita. La rete raggiunge i 6000 punti di ritiro in Italia, aggregando lockers (oltre il 25%) e punti di ritiro presso i negozi locali.

Logistica: InPost, chi è e cosa fa

L’azienda che opera in nove paesi, ha consegnato circa 745 milioni di pacchi in Europa nel 2022, registrando un aumento del 44% rispetto al 2021. Nel grande mercato italiano l’azienda ha ampliato la sua presenza del 20% nel corso dell’anno grazie a accordi commerciali con importanti partner. Tra i quali rientrano catene di distribuzione, aree di servizio e aziende di trasporto pubblico. Il numero di commercianti che ospitano punti di spedizione/ritiro è in costante aumento. Le città italiane con la maggiore concentrazione di caselle e punti InPost sono Roma, Milano, Napoli e Torino. Tuttavia, la presenza di locker e InPost points si estende ormai in tutte le regioni del paese, comprese le zone meridionali e le isole.

Oltre 6000 i punti di ritiro in Italia

Questa crescita riflette il costante successo del metodo di consegna, che offre alle persone maggiore libertà, tranquillità ed efficienza rispetto alla consegna tradizionale a domicilio. Scegliere di ritirare un pacco da un locker o da un punto InPost significa ottenere il pacchetto con successo al primo tentativo. In questo modo si evitano disagi e la perdita di tempo associata ai tentativi ripetuti di consegna, situazioni comuni nelle spedizioni a domicilio. Questo servizio efficiente porta anche a un significativo risparmio ambientale, ottimizzando i trasporti, riducendo il traffico stradale e contribuendo a ridurre le emissioni in atmosfera, il rumore e il rischio di incidenti. Lo hanno capito le popolazioni del nord Europa, dove in alcuni Paesi la preferenza degli utenti per questa modalità di consegna raggiunge anche il 70% sul totale delle merci spedite.

InPost è parte del commercio elettronico

«InPost sta diventando parte integrante del commercio elettronico» – commenta Nicola D’Elia, managing director southern Europe di InPost – «grazie a una proposta innovativa molto apprezzata dal pubblico, che ora può scegliere dove e quando ricevere gli acquisti fatti online, con una modalità di consegna più sostenibile e che rappresenta una nuova opportunità anche per i negozi di quartiere».

LEGGI ANCHE: “La rivincita della seconda mano”

Logistica, i numeri dell’e-commerce in Italia

Un numero crescente di persone in Italia, dopo aver fatto acquisti su oltre 170 siti di e-commerce associati ad InPost, opta per ricevere i loro acquisti in uno dei quasi 100.000 cassetti presenti in oltre 1.600 armadietti automatici. Questi armadietti si trovano in luoghi frequentati quotidianamente, come stazioni della metropolitana, supermercati e stazioni di servizio, oltre a oltre 4.000 negozi che fanno parte della rete InPost. Nel mese di novembre 2023, durante il periodo chiave delle vendite online con il Black Friday, le spedizioni con InPost in Italia sono aumentate del 61% rispetto allo stesso periodo del 2022. La copertura estesa della rete InPost in Italia facilita l’utilizzo da parte dei cittadini. Considerando i dati delle 10 maggiori città, InPost raggiunge il 65% della popolazione, ovvero oltre 5,5 milioni di italiani che vivono a Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo, Genova, Bologna, Firenze, Bari e Catania e che sono a soli 5 minuti da un punto InPost.