Piazza Affari chiude in lieve rialzo una giornata in altalena. Spread stabile a 105

Sono ancora gli Usa a tenere banco sui mercati. Questa volta, però, non per le performance dei titoli tech o per le scelte della Fed ma per l’imminente faccia a faccia tra Donald Trump e Joe Biden. Il presidente uscente ha già dichiarato a più riprese che non è disposto ad accettare una sconfitta e sta studiando una strategia per cercare di ricontare i voti in caso di esito negativo. Joe Biden, dal canto suo, ha già pronta una squadra di avvocati se Trump non dovesse proclamare la sua vittoria. Insomma, il clima è tesissimo a poco più di un mese dal voto. 

Per questo le borse europee, dopo il rally di 24 ore prima, rallentano il passo e chiudono tutte in rosso, seppur in modo contenuto. Piazza Affari lascia sul terreno lo 0,5%, performance simile a quella di Londra. Un po’ meglio Francoforte (-0,4%) e Parigi (-0,2%), mentre Madrid perde quasi un punto percentuale. Ottime notizie dai btp decennali: lo spread con i bund tedeschi si riduce lievemente a 139, mentre il rendimento del nostro titolo poliennale è allo 0,85%.