L’inflazione spiazza gli economisti, l’oroscopo ci prende di più

I dati usciti mercoledì scorso hanno mostrato che l’inflazione del Regno Unito ha raggiunto un altro massimo da 30 anni il mese scorso. La cosa non ha sorpreso nessuno, tranne i migliori economisti del mondo.Dato tutto il discorso sull’aumento globale dell’inflazione in questi giorni, chiunque avrebbe dovuto immaginare che i prezzi di beni e servizi nel Regno Unito sarebbero stati molto più alti il mese scorso rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, il 6,2% più alti, per essere precisi. Allora si potrebbe insegnare agli economisti una cosa o due: hanno sottovalutato l’inflazione per otto degli ultimi 10 mesi. E non è che una sola anomalia abbia alterato i risultati: i prezzi sono stati più alti per 10 delle 12 categorie monitorate il mese scorso, compreso un aumento del 5,1% dei prezzi dei prodotti alimentari, dell’8,8% nell’abbigliamento e del 9,2% nei mobili e nelle attrezzature per la casa.

Gli inglesi stringono la cinta
Questi prezzi più alti stanno pesando seriamente sui britannici: un recente sondaggio ha mostrato che la metà di tutti gli intervistati sta tagliando sui beni di prima necessità come i vestiti, e un terzo sta tagliando sui beni di prima necessità come il cibo. Questo potrebbe essere il motivo per cui il governo britannico ha appena ridotto le sue previsioni per la crescita economica del paese quest’anno dal 6% al 3,8%. Sta cercando di fare la sua parte: ha annunciato tagli alle tasse sul carburante e sul reddito mercoledì, e ha raddoppiato il finanziamento delle sovvenzioni per gli inglesi in difficoltà.

E gli americani sono in difficoltà
Anche gli americani sono in difficoltà, del resto: l’inflazione statunitense ha raggiunto il 7,9% il mese scorso, il che potrebbe essere il motivo per cui la Federal Reserve (la Fed) ha detto questa settimana che si sta preparando ad aumentare i tassi di interesse dello 0,5% – il doppio del tipico 0,25% – al suo prossimo incontro. Ma Goldman Sachs pensa che la banca centrale stia giocando a nascondino: la banca d’investimento ha detto che si aspetta che la Fed aumenti i tassi dello 0,5% nelle sue prossime due riunioni.