Quanti contati si possono prelevarev

In un periodo di spese eccessive, o anche per una semplice curiosità, in molti si chiedono quanti contanti si possono prelevare al bancomat. Si tratta di soldi propri, quindi bisognerebbe poterne avere la massima disponibilità, ma in realtà quando si apre un conto presso un’istituto bancario ci sono delle regolare che vanno rispettare. Proviamo dunque a vedere a quanto ammonta in Italia il limite previsto per i prelievi al bancomat.

Quanti contati si possono prelevare

Iniziamo subito col dire che, a differenze di quanto avviene per il contante – dove il limite previsto dalle modifiche del Decreto Milleproroghe è di 2.000 euro fino al 31.12.2022 -, per i prelievi bancomat non c’è un massimale stabilito dalla legge, ma la decisione è propria di ogni singolo istituto bancario. Tali cifre sono indicate nel contratto che si è sottoscritto al momento dell’apertura del conto e, generalmente, sono riferite sia al massimo giornaliero che mensile. In alcuni casi, tuttavia, le banche stesse possono accordare a determinati clienti delle modifiche dei massimali.

Ogni banca ha quindi delle regole proprie, anche se è possibile fare delle stime generale. Il limite massimo di contanti che si possono prelevare al bancomat va infatti dai 250 ai 1.000 euro al giorno, mentre la soglia mensile oscilla tra i 2.000 e i 3.000 euro. È bene sottolineare che si tratta di limiti giornalieri e non di massimali previsti per un singolo ritiro di denaro.

Come già accennato in precedenza, tuttavia, le banche stesse offrono ai propri clienti più importanti, i cosiddetti premium, la possibilità di modificare i limiti previsti dai contratti, sia per i prelievi sia per quanto riguarda le corte di credito collegate al conto bancario. Nel caso in cui, invece, l’aumento dei massimali non sia stato previsto nell’accordo sottoscritto, sarà necessario chiedere al proprio istituto una deroga.