Anche nel 2021, straordinaria affermazione per la Cantina Lantieri di Capriolo che ha conquistato ben quattro medaglie d’oro al The Champagne & Sparkling Wine World Championship 2021 (CSWWC), il principale concorso internazionale riservato ai vini mossi (che si svolge ogni anno a Londra in novembre), ideato da Tom Stevenson, il più autorevole esperto mondiale di Champagne and Sparkling Wines. Ad aggiudicarsi l’oro sono stati Lantieri Franciacorta Brut, Lantieri Franciacorta Extra Brut, Lantieri Franciacorta Satèn, Lantieri Franciacorta Brut Arcadia 2017. Oltre ai quattro ori, Lantieri ha conquistato anche due argenti con i Franciacorta Nature e Satèn Magnum. Un risultato che pone la storica azienda franciacortina di Fabio Lantieri fra le primissime al mondo.

Cantina Lantieri, sul podio da tre anni

Per il terzo anno consecutivo Cantina Lantieri è quindi sul podio del “mondiale delle bollicine”, dato che nel 2019 il suo Franciacorta Cuvée Brut NV Magnum era stato proclamato World Champion nella categoria Classic Brut Non-Vintage Blend e l’anno scorso i suoi Franciacorta erano stati premiati con 4 medaglie d’oro e 2 d’argento.

CSWWC, il concorso fra spumanti più duro e importante del mondo, ha visto in lizza oltre 1.000 iscritti da una trentina di paesi. Complessivamente sono state assegnate a 19 Paesi un totale di 129 medaglie d’oro e 268 d’argento. L’Italia ha conquistato la vetta della classifica trionfando con 58 medaglie d’oro e 129 d’argento, seguita dalla Francia.

«Siamo molto felici ed orgogliosi di questi riconoscimenti, dal momento che i nostri Franciacorta erano a confronto con i migliori Champagne e Sparkling del mondo – commenta Fabio Lantieri de Paratico – Il fatto poi che per il terzo anno consecutivo siamo stati premiati per varie tipologie di Franciacorta, è un importantissimo riconoscimento per la nostra cantina nel suo complesso e conferma che la strada che stiamo seguendo della ricerca dell’assoluta qualità (in tutti i passaggi, dalla vigna alla cantina) ha dato i risultati sperati.”

Una società dalle profonde radici storiche

I Lantieri de Paratico, nobile e antica famiglia bresciana, hanno radici franciacortine che risalgono a più di mille anni or sono, posto che la prima data certa che le documenta risale all’anno 930 d. C.

Antenati illustri ornano il suo albero genealogico, da una Beata Lucia Lantieri ad uno studioso di tattiche militari per giungere infine al famoso ingegnere e matematico Giacomo Lantieri che trascorse una vita tanto avventurosa da ispirare addirittura un libro: Servitore vostro umilissimo et devotissimo (Storia di Giacomo Lantieri, Bonanno Editore, 1994).

Il suffisso nobiliare “de Paratico” sta a significare il loro precedente insediamento nel paese omonimo in provincia di Brescia, al confine con il lago d’Iseo, in Franciacorta. Qui, i Lantieri fecero erigere nell’XI sec. il loro magnifico castello. La storia narra che in tale castello sia stato ospitato l’esule e sommo poeta Dante Alighieri che, ispirato dal paesaggio, avrebbe scritto alcuni versi della Cantica del Purgatorio.

Nel ‘500 poi la famiglia si trasferì a Capriolo, dove si è perpetuata la tradizione vitivinicola e ha oggi sede l’azienda. I Lantieri si distinguevano per la produzione di vini già dal XVI secolo; erano allora apprezzati fornitori alla corte dei Signori Gonzaga di Mantova, ed alle corti di Ferrara e Milano, con il “Rubino di Corte Franca”, antesignano dei vini attuali.

La cantina a pochi passi dall’antico palazzo di famiglia

La Cantina Lantieri ha sede nel centro storico dell’affascinante borgo medioevale di Capriolo posto su un colle, dove si trova anche l’antico palazzo di famiglia. Si raggiunge tramite una caratteristica strada, tra lunghi filari di vite, ed offre dalla sua suggestiva terrazza merlata una magnifica vista sull’anfiteatro franciacortino.

Il complesso aziendale comprende la struttura storica, della quale fanno parte le vecchie cantine dai volti seicenteschi, e quella moderna, caratterizzata da ambienti di costruzione più recente, dove hanno luogo le fasi della vinificazione, secondo le attuali ed avanzate tecnologie. Alla cantina è annessa Corte Lantieri, un elegante Agriturismo con 7 camere e un eccellente ristorante.

LEGGI ANCHE: Si fa presto a ordinare champagne

Una varietà di vigneti rendono il vino unico

I vigneti si estendono per 21 ettari in parte intorno alla cantina e in parte alle pendici del Monte Alto, in un’area della Franciacorta che ricomprende composizioni di suolo diverse. Tali eterogeneità, oggetto di lunghi e approfonditi studi nell’ambito della zonazione viticola di questa zona, influenzano e determinano qualità, struttura e profumi dei nostri vini. Le tecniche di coltivazione e vinificazione hanno quindi lo scopo di esaltare le caratteristiche del territorio e la sua origine. I terreni di natura silicio argillosa, particolarmente ricchi di breccia e materia calcarea, esprimono la massima vocazione nella coltura della vite, praticata dalla Cantina Lantieri sugli stessi fin dal XVI secolo.

Le bollicine che vogliono bene all’ambiente

I Franciacorta vengono prodotti esclusivamente mediante l’utilizzo delle uve raccolte manualmente provenienti dai 21 ettari di vigneto di proprietà dell’azienda, che vengono gestiti con grande cura e attenzione al fine di ottenere frutti sani, condotti a perfetta maturazione. L’azienda ha aderito molti anni fa ad un progetto di rispetto ambientale che ha condotto alla coltivazione biologica integrale di tutte le uve utilizzate per la produzione dei propri vini, ad una consistente riduzione di emissioni di Co2 nell’atmosfera grazie all’impiego di fonti energetiche rinnovabili ed alla riduzione del consumo dell’acqua attraverso il recupero delle precipitazioni. Le fasi produttive dalla vinificazione, alla presa di spuma ed alla sboccatura, vengono realizzate secondo la filosofia aziendale ispirata alla massimizzazione della qualità e all’integrità del prodotto. Il risultato costante e di assoluta eccellenza, si percepisce in tutti i Franciacorta Lantieri, che si distinguono per freschezza e mineralità, esprimono i profumi e la polposità del frutto nella sua integrità, sono suadenti, avvolgenti, eleganti e prodighi di sensazioni armoniose e complesse. La produzione è dedicata principalmente a tutta la gamma dei Franciacorta (di cui vengono prodotte 160.000 bottiglie), a cui si affiancano pregiati Curtefranca (20.000 bottiglie).