La situazione è seria (e comica). Ma sull’economia c’è poco da ridere