Teresa Puca, Senior Agile Product Owner Revisya Wolters Kluwer Tax & Accounting Italia

Translator

 

Translator

 

Da uno studio del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, effettuato verso la fine dell’anno scorso, si possono ragionevolmente stimare in circa 100mila le società obbligate alla nomina di un revisore secondo almeno uno dei tre parametri dell’art. 2477 c.c. (totale attivo 4 milioni di euro, ricavi dalle vendite 4 milioni di euro e 20 dipendenti medi).
Meglio dunque che le SRL si attrezzino anche perché tutto considerato la revisione del loro bilancio è un vantaggio.
Un bilancio dotato di revisione è un bilancio che acquista in affidabilità.
La certificazione del bilancio da parte di un revisore indipendente aumenta la fiducia di soci, investitori, banche, clienti e fornitori nei confronti dell’azienda.
Facilita inoltre l’accesso al credito, la collaborazione con nuovi partner e la fidelizzazione della clientela.
Una revisione del bilancio contribuisce anche a migliorare la governance aziendale, perché promuove la trasparenza, la correttezza e l’efficienza dei processi gestionali. Dunque più efficacia decisionale e meno rischi.
Una positiva revisione favorisce una PMI nella competizione per appalti pubblici, contratti internazionali o finanziamenti agevolati e facilita anche l’ingresso in nuovi mercati e la creazione di nuove partnership.
Ai vantaggi tangibili possiamo poi aggiungerne uno intangibile, quello della reputazione.
Un imprenditore che si assoggetta alla revisione del proprio bilancio, lo fa forte della sua condizione di società seria, affidabile e trasparente.
“La normativa relativa all’obbligo di nomina del revisore ha determinato un estensione del numero dei bilanci da revisionare, rappresenta, quindi un’opportunità di sviluppo professionale anche per i commercialisti abilitati che operano come sindaci o revisori unici”, spiega Teresa Puca, Product Owner Revisya di Wolters Kluwer Tax & Accounting Italia. “Revisya, la nostra soluzione, guida il revisore nelle molteplici fasi dell’attività – accettazione, pianificazione, esecuzione, completamento – proponendo un workflow di procedure digitalizzate e seguendo la metodologia del CNDCEC.”
Teresa Puca sottolinea come il software apporti un deciso miglioramento dell’efficienza e dell’accuratezza. “Revisya utilizza algoritmi e tecniche avanzate che consentono di ottimizzare la strategia di revisione e di elaborare programmi di lavoro definiti per rispondere adeguatamente ai rischi individuati e valutati in fase di pianificazione dell’incarico. Non dimentichiamo poi un vantaggio derivato dalla maggiore collaborazione e condivisione delle informazioni. Revisya è una soluzione cloud based che facilita la collaborazione tra i componenti del team di revisione. Consente, inoltre, al revisore di richiedere e ottenere dalla società revisionata documenti e informazioni tramite un portale dedicato.”
La soluzione di Wolters Kluwer si rivolge al Revisore che può operare singolarmente, come parte di un collegio sindacale o come parte di una Società di Revisione ed è stata sviluppata e puntualmente aggiornata in partnership con RSM, primaria società di Revisione e Consulenza mondiale, e contiene una notevole «knowledge base» normativa e operativa.