La Porsche elettrica che non c’è (ancora) ha già 20mila acquirenti

Sarà presentata solo alla fine di settembre e neppure le linee della carrozzeria sono stata fissate in maniera definitiva, eppure ci sono già oltre 20 mila persone che, in tutto il mondo, che hanno manifestato un serio interesse ad acquistarne un’esemplare e hanno versato una caparra di 2.500 euro per mettersi in lista. L’oggetto del desiderio è la Porsche Taycan, la prima vettura elettrica  della casa di Zuffenhausen, un giocattolo con due motori sincroni a magneti permanenti con una potenza complessiva di oltre 600 cavalli e 400 kW, capace di scattare da 0 a 100 km/h in meno di 3,5 secondi e di raggiungere i 200 km/h in meno di 12 secondi. Ma il suo punto di forza dovrebbe essere la ricarica: in venti minuti sarà possibile rifornire di energia le batterie in modo da avere un’autonomia di 400 km e basteranno soli quattro minuti per garantire 100 chilometri di percorrenza.

In più, una combinazione di software e hardware consentirà al guidatore di ricaricare velocemente e farà anche coincidere i punti di ricarica come tappe del viaggio previste dal navigatore, prenotando in anticipo le colonnine. «La Taycan sarà l’automobile più sportiva e tecnicamente più avanzata del segmento di appartenenza» ha confermato Detlev von Platen, membro del Consiglio di Amministrazione e Responsabile Vendite e Marketing di Porsche AG: «Sarà una Porsche a tutti gli effetti». Anche nel prezzo, che, pur non ancora fissato, dovrebbe aggirarsi attorno ai 120 mila euro.