La natura articolata del Retail Real Estate, con la sua pluralità di merceologie e varietà di canali di sviluppo, necessita di essere continuamente analizzata per intercettare le mutate esigenze del consumatore. “Le grandi sfide del retail e i nuovi equilibri tra canali di vendita” il tema trattato al 10° Convegno Retail Estate 2022 dell’8 novembre, con un’analisi sull’evoluzione e trasformazione del Retail Real Estate nel millennio delle incertezze da parte di Reno Your Retail Partners. Pandemia, guerre, rincari, difficoltà nel reperimento delle materie prime, inflazione e aumenti dei tassi di interesse hanno solo accelerato una trasformazione già in atto nel commercio contemporaneo. Tendenze emerse negli ultimi dieci anni si stanno ulteriormente rafforzando e imprimono nuove traiettorie al retail, di modo che periodi di incertezza divengano opportunità. Il cambiamento di mix merceologico proposto nel real estate è sempre stato fisiologico, dagli ultimi cinque anni si è assistito a un’offerta più incentrata sui servizi alla persona, su un rinnovato interesse per il comparto casa e a una crescita a doppia cifra per il food and beverage che tutt’oggi si conferma essere il driver principale nelle strutture commerciali. Il f&b è il settore che più di tutti sperimenta sia con network nazionali sia con realtà “più locali” e promettenti e così la valorizzazione della prossimità, già avvertita come necessità pre-pandemia, ha oggi mantenuto la sua attrattività per diverse tipologie di offerte. Alle mutate esigenze dei consumatori alla ricerca di punti di riferimento sul territorio, già dagli anni pre-pandemici il real estate risponde con un’offerta incrementata di entertaiment e leisure: le strutture commerciali non devono più essere percepite come luoghi di consumo passivo, ma come community di individui…

Si propongono dunque nuovi concetti di centri commerciali di successo come Citylife a Milano con un grande spazio dedicato all’experience. Retail e real estate sono in continua evoluzione e si rinnovano per stare al passo con le nuove esigenze del consumatore, capace di muoversi con fluidità in una forma di acquisto ibrida, nella quale dimensione fisica e digitale si sovrappongono (phygical) e dove trova spazio oltre che l’online anche il social commerce. L’analisi e la comprensione dei bisogni del proprio consumatore target è fondamentale: la Generazione Z, quella dei nuovi consumers, abbina alla ricerca online l’acquisto in store dove si aspetta esperienze avanzate e una comunicazione personalizzata che lo faccia sentire emotivamente connesso. Gli stessi dimostrano anche una crescente attenzione alle tematiche ESG che ora retail e real estate seguono in modo più concreto, facendosi anche promotori di best practice nel campo della sostenibilità e dell’innovazione. Gli operatori del settore non possono dunque sfuggire ai cambiamenti e devono farsi promotori di un nuovo modello di business nel quale diventano centrali strategie data driven che permettano di conoscere in modo approfondito consumatori, canali commerciali e concorrenza. Solo così sarà possibile evolvere insieme al mercato contemporaneo.

www.reno-it.com