Auto elettriche Cina

Il governo cinese intende adottare misure per incrementare la spesa per l’industria automobilistica del Paese di 30 miliardi di dollari quest’anno.

Le vendite di auto in Cina – il più grande mercato automobilistico del mondo – sono diminuite negli ultimi mesi, dato che è difficile e irrilevante acquistare un’auto quando si è intrappolati in una prigione. In effetti, ad aprile non c’è stata una sola persona tra i 25 milioni di abitanti di Shanghai che abbia acquistato un’auto. E con il ritiro da parte del governo dei sussidi destinati a incoraggiare gli automobilisti ad acquistare veicoli elettrici, la domanda potrebbe diminuire ulteriormente. Ma mentre le autorità prendono con una mano, danno con l’altra: la TV di Stato ha riferito questa settimana che il governo sta pensando di estendere le esenzioni fiscali per gli acquirenti di veicoli elettrici. Questo fa ben sperare per aziende come Li Auto, Xpeng, Nio e BYD, le cui azioni sono salite dopo la notizia.

LEGGI ANCHE: Giorgetti boccia il voto sull’auto elettrica «Una delusione»

Bmw investe sull’auto elettrica in Cina

BMW sarà contenta di sentirlo: la casa automobilistica tedesca – le cui vendite in Cina sono diminuite nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo del 2021 – ha annunciato giovedì che la produzione è ora in corso nel suo nuovo impianto da 2,2 miliardi di dollari, che spera di aumentare la produzione annuale di veicoli elettrici in Cina di quasi il 20%. Lo stabilimento è il terzo impianto di assemblaggio di BMW nel Paese ed è stato progettato per produrre solo un numero di veicoli elettrici sufficiente a soddisfare la domanda, piuttosto che le linee di produzione di massa di un tempo.

Le chiusure della Cina potrebbero aver inciso sulla sua economia, ma potrebbe esserci un rischio ancora più grande per il Paese, sotto forma del suo languente mercato immobiliare. Il settore rappresenta circa il 20% della produzione del Paese ed è stato lasciato a pezzi dalla dura posizione del governo sul settore. Infatti, Goldman Sachs prevede che il settore trascinerà la crescita economica di 1,4 punti percentuali quest’anno.