Gruppo Ala, avviate le attività di bookbuilding per l'ammissione all'Aim

Il London Stock Exchange è pronto a mettere sul mercato Borsa Italiana. La notizia era già nell’aria da qualche tempo, ma ora sembra che stia prendendo definitivamente quota e che siano già stati avviati dialoghi con diversi soggetti. La decisione di cedere Borsa Italiana (o almeno della quota in Mts) è dettata dall’esigenza di essere meno concentrati in ottica Antitrust: c’è ancora attesa da parte del gruppo, infatti, per il via libera definitivo all’acquisto del gruppo di dati e analisi Refinitiv per 27 miliardi di dollari. E che il closing potrebbe arrivare già alla fine dell’anno o, al più, entro l’inizio del 2021, come affermato direttamente dall’amministratore delegato di Lse, David Schwimmer in una nota. Tra i possibili compratori figurano sia Deutsche Boerse sia Euronext. “Non si sono certezze – ha detto il gruppo Lse – che decideremo di procedere con un’operazione in relazione” all’uno (Borsa Italiana) o all’altro (Mts) di questi asset. Ma intanto il London Stock Exchange ha confermato che i dialoghi serrati in queste ultime settimane potrebbero proprio riguardare Piazza Affari.