Avveniristici mezzi di Itabus: sono forniti di wifi e bar self service

Si può fare innovazione nel settore dei trasporti in Italia? Itabus lo fa e raggiunge in un anno quote tanto significative grazie a un’offerta ampia e capillare che garantisce servizi lungo tutto l’arco della giornata, studiato per offrire le migliori connessioni con Itabus che collega Napoli al resto del network con oltre 70 viaggi giornalieri nelle giornate di picco.

Mezzi innovativi

Si arriverà con i pullman Itabus (targati MAN, di ultimissima generazione con a bordo tutti i comfort  – come wi-fi 4/5G gratuito, toilette, distributori automatici – offrendo un servizio pensato per agevolare la clientela e rendere il viaggio un’esperienza unica.

Link alla Rete ferroviaria

Itabus punta su un sistema intermodale che sta sviluppando fin dal suo esordio:
i bus della compagnia, infatti, fanno scalo presso tutti i principali snodi serviti dall’Alta Velocità, ne è un esempio la stazione AV di Roma Tiburtina, oltre che presso l’aeroporto di Roma Ciampino (collegato al resto del network della società, oltre che dal nuovo servizio Terravision con Roma Termini), quello di Orio al Serio, quello di Venezia e quello di Napoli Capodichino.

Partnership col mondo aeroportuale

L’altra partnership è legata al mondo aeroportuale: in collaborazione con Terravision (operatore leader nel settore del trasporto turistico che offre servizi di transfer dagli aeroporti delle maggiori città europee ai rispettivi centri città), dal sito Itabus (www.Itabus.it) sarà possibile acquistare biglietti per i collegamenti verso gli aeroporti di Fiumicino, Ciampino e Bari. Dalla stazione di Roma Termini si potranno raggiungere i due scali aeroportuali romani al costo di 6 euro, mentre da Bari città si potrà arrivare in aeroporto a 4 euro. Il servizio Terravision garantisce ogni giorno 34 corse per l’aeroporto di Ciampino, 44 corse per l’aeroporto di Fiumicino e 26 corse per l’aeroporto di Bari. In questo modo i viaggiatori possono scegliere fra un’ampia copertura di orari con partenze in corrispondenza degli arrivi o delle partenze dei voli, 7 giorni su 7.

Viaggiatori raddoppiati in un anno

Ad oggi, grazie alla ripartenza dell’intero settore viaggi, Itabus sta registrando un forte incremento della domanda: viaggiatori raddoppiati rispetto allo scorso anno e circa 200 mila viaggiatori mensili già prenotati per i mesi estivi (numero destinato a crescere nel corso dell’estate).

Ben 800 tratte disponibili

Uno stimolo in più per affrontare la nuova stagione estiva, in vista della quale Itabus ha deciso di ampliare il proprio network ed i propri servizi, garantendo un’esperienza di acquisto e di viaggio sempre più completa. Estate 2022 segnata da un’offerta significativa per i passeggeri Itabus che avranno a disposizione circa 110 servizi quotidiani, circa 150 fermate in tutta Italia ed oltre 800 tratte fra cui scegliere le proprie vacanze.

Il network

Importanti novità di network riguardano il debutto in regioni come Sicilia, Trentino-Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia, dove i servizi hanno preso il via ieri, 15 giugno, ma stanno facendo già registrare ottimi dati: le prenotazioni per queste new entry infatti crescono quotidianamente, avendo già raggiunto considerevoli cifre destinate a crescere nel corso dell’estate. La Sicilia è collegata a Bari, Napoli e Roma con 8 servizi quotidiani distribuiti su 4 differenti linee, ci sono numerose fermate per garantire capillarità territoriale e diverse possibilità di scelta. Itabus ferma a Palermo, Termini Imerese Cefalù, Milazzo, Messina, Agrigento, Caltanissetta, Enna, Catania Taormina-Giardini Naxos, Siracusa e Augusta. I

In Trentino sono invece servite Bolzano, Trento e Rovereto con 4 viaggi al giorno verso Roma e Napoli. C’è poi il Friuli, con le città di Trieste (8 viaggi al giorno), Udine (2 servizi quotidiani) e Gorizia (2 collegamenti giornalieri), che sono connesse a diverse località, fra cui Venezia Milano, gli aeroporti di Venezia e di Bergamo-Orio al Serio, Roma e Napoli.

Sono partite, inoltre, diverse connessioni che uniscono aree strategiche del Paese fra loro: Napoli-Pescara che ferma anche all’aeroporto di Capodichino, oltre che passare da città quali Avellino e Foggia verso la costa adriatica; Milano-Crotone per collegare Lombardia ed Emilia alla Calabria ionica; Milano-Bari/Matera con le nuove fermate ad Altamura, Cerignola, Barletta, Bisceglie Trani, Molfetta; Roma-Catanzaro (città appena entrata nella rete Itabus) e Roma- San Benedetto del Tronto con fermate ad Avezzano e Pescara.