rialzo tassi Fed
La Federal Reserve Building

Una frenata sul rialzo dei tassi dalla Fed. A deciderla è stata la Fed nel corso della sua ultima riunione. Questo non significa che non cresceranno più i tassi dei mutui negli Usa, ma che accadrà tra qualche tempo. Nel precedente incontro a inizio novembre i banchieri centrali avevano alzato del 3,4 per cento i tassi arrivano quasi al 4 per cento. A marzo erano di poco sopra lo zero. L’obiettivo di questa campagna è quello di tenere sotto controllo l’inflazione che non aveva avuto una crescita così alta dal 1980.

La risposta dei mercati alla frenata sul rialzo dei tassi della Fed

Negli stati Uniti mercoledì la borsa ha chiuso in positivo, dopo la pubblicazione dei verbali della Fomc, che è il braccio operativo della Federal Reserve, che ha operato quattro ritocchi consecutivi di 75 punti base. Nella giornata di oggi l’avvio delle Borse Europee è stato positivo, pur non godendo del faro di Wall Street chiusa per la festa del Ringraziamento.  Anche i rendimenti dei bond Usa sono calati, con il decennale che si e’ portato al 3,7%. Intanto a livello internazionale desta preoccupazione l’impennata di casi di Covid in Cina, anche se le Borse asiatiche sono in rialzo fatta eccezione di Shanghai. Il future sull’Eurostoxx sale dello 0,2%, quello sul Ftse Mib dello 0,22%.

LEGGI ANCHE:

A Milano fari puntati sulle utility

A Piazza Affari saranno sotto osservazione le azioni delle utility, dopo i cali della vigilia provocati dall’annuncio delle tasse sugli extraprofitti. Occhi anche sui titoli del lusso, sul timore che in Cina sia proclamata una nuova stretta per combattere il Covid.
Sul mercato valutario, la moneta unica passa di mano a 1,0430 dollari (ieri a 1,0362) e a 144,65 yen (144,764), con il cambio dollaro/yen a 138,69 (139,715). Ad Amsterdam e’ in lieve calo il valore del gas: il future di dicembre arretra dell’1,2% a 128 euro al Megawattora. E’ invece stabile il contratto di gennaio a 135,9 euro. Ieri diversi Paesi Ue tra cui Francia, Italia, Polonia, Spagna, hanno bocciato la proposta di ‘price cap’ a 275 euro perche’ considerato troppo alto.