Cina meno restrizioni anti covid

Per i mercati asiatici la notizia migliore in apertura di settimana è quella della riapertura dei negozi in Cina e di una riduzione sulla stretta dei test molecolari, che saranno meno severi. Lo stesso vale per le norme sanitarie, che saranno più soft in diverse città come Pechino e Shangai. A una settimana dall’inizio delle proteste, quindi le restrizioni anti covid si sono allentate. A Pechino nel fine settimana molto negozi hanno riaperto e diversi cittadini sono tornati a utilizzare i trasporti pubblici senza dove esibire un risultato di un test effettuato nelle ultime 48 ore.  Anche a Shangai non è più necessario esibire un test per avere l’accesso ad alcuni locali pubblici, tra i quali i parchi e molte attrazioni turistiche. In quella che è uno dei principali centri finanziari cinesi, nella scorsa primavera c’erano state delle pesanti restrizioni, dopo un’epidemia verificatasi in primavera. Nel corso dell’ultima settimana, dopo le molte restrizioni si erano verificate delle proteste in molte città.

I mercati apprezzano le aperture

In queste settimane non sono mancate le ripercussioni delle restrizioni anti covid sull’economia e sui mercati, che nel primo settimana di riaperture hanno salutato in modo positivo le novità. La borsa di Hong Kong apre con un ulteriore forte guadagno. Gli operatori hanno accolto positivamente le ultime decisioni delle autorità cinesi su un allentamento delle rigide misure di contenimento del Covid che hanno condizionato pesantemente l’economia. L’indice Hang Seng e’ salito del 2,93%, pari a 546,33 punti, a 19.221,68 punti. Lo Shanghai Composite Index e’ salito dello 0,82%, pari a 25,77 punti, a 3.181,92, mentre lo Le azioni di Tokyo hanno aperto in ribasso dopo la chiusura contrastata a Wall Street, condizionata dal report sul mercato del lavoro e dai timori di un aumento dei tassi d’interesse.

LEGGI ANCHE: Cina: le misure contro il covid penalizzano i mercati asiatici

L’indice di riferimento Nikkei 225 e’ sceso dello 0,25%, pari a 70,56 punti, a 27.707,34 nei primi scambi, mentre l’indice piu’ ampio Topix e’ scivolato dello 0,37%, pari a 7,15 punti, a 1.946,83. ( della seconda borsa cinese ha aggiunto lo 0,59%, pari a 12,08 punti, a 2.056,68. Tutt’altra musica, invece, a Tokyio dove l’andamento della borsa è in negativo. Le azioni di Tokyo hanno aperto in ribasso dopo la chiusura contrastata a Wall Street, condizionata dal report sul mercato del lavoro e dai timori di un aumento dei tassi d’interesse. L’indice di riferimento Nikkei 225 e’ sceso dello 0,25%, pari a 70,56 punti, a 27.707,34 nei primi scambi, mentre l’indice piu’ ampio Topix e’ scivolato dello 0,37%, pari a 7,15 punti, a 1.946,83. (