astensionismo primo partito davanti a Fratelli d'Italia
L'astensionismo primo partito

Il primo partito  è quello dell’astensione, davanti anche a Fratelli D’Italia, che i primi exit poll indicano come la fazione politica che prenderà più voti. Alle urne sono andati soltanto il 63,81%% degli italiani. Molti meno delle ultime elezioni politiche, visto che nel 2018 alla Camera dei deputati votò il 72,93% degli elettori, mentre al senato della Repubblica il  72,99%.

Che non ci fosse la coda alle urne si era già capito nel corso della giornata, perché alle 19 l’affluenza alle urne per il rinnovo della Camera era stato del 51,16%. Alle scorse elezioni politiche, nel 2018, alla stessa ora di domenica aveva votato il 58,4% degli aventi diritto, ossia circa 7 punti in più. Nella storia repubblicana sono le elezioni politiche nelle quali si è raggiunta la minor affluenza alle urne da parte degli elettori.

LEGGI ANCHE: Perché, chiunque oggi vinca le elezioni, la Bce non mollerà l’Italia

Al Sud affluenza più bassa, Lombardia ed Emilia le prime

Le regioni dove si è votato di meno sono  Calabria (50,74%) e Sardegna 52,49, mentre la maggior partecipazione al voto si è registrata in Toscana 69,72, in Lombardia 70,39 e in Emilia Romagna 71,91. Nelle elezioni che potrebbero incoronare Fratelli d’Italia, l’affluenza maggiore al voto si registra in due regioni storicamente rosse, mentre la regione dove si vota di meno è una di quelle dove storicamente l’Msi era più forte. A Napoli l’affluenza è scesa sotto il 50% (49,75), con dieci punti percentuali in meno del 2018.

Le prime reazioni dalla Lega e non da Fratelli d’Italia

Il primo tweet di reazione a urne chiuse da meno di 20 minuti, non è arrivato dalla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, ma dal suo compagno di coalizione Matteo Salvini, che ha parlato di centro destra unito, pronto a governare. La leader di Fratelli d’Italia ha preferito votare poco prima della chiusura delle urne e ha atteso a lungo prima di rilasciare le prime dichiarazioni, nonostante i siti internet dei giornali esteri hanno iniziato poco dopo le 23 a parlare di primo premier donna in Italia.