prezzi benzina
Le accise sulla benzina non aumenteranno

Il Decreto Aiuti Quater ha deciso di prorogare il taglio delle accise che scadeva il 18 novembre, ma il prezzo della benzina, stando ai rilievi di dell’osservatorio prezzi del ministero della infrastrutture stanno calando, comunque perché si riducono i prezzi alla fonte. C’è chi poi come Eni ha deciso ai propri distributori di far pagare la benzina due centesimi in meno del prezzo raccomandato.

Scendono i prezzi di tutti i carburanti

Il prezzo medio nazionale della benzina oggi è di 1,705 euro al litro, mentre venerdì era di 1,714. L’oscillazione tra i vari marchi vari marchi va da 1,692 a 1,707 euro al litro. Dove non ci sono marchi la benzina costa  1,707). Il prezzo medio praticato del diesel self va a 1,813 euro/litro contro 1,832 di venerdì, con le compagnie tra 1,794 e 1,837 euro al litro, mentre chi non ha marchio è attorno a 1,808 euro al litro. Calano anche i prezzi del servito con la benzina che è scesa a 1,852 euro al litro, contro il valore precedente che era di 1,861. Alcuni impianti praticano prezzi tra 1,784 e 1,907 euro al litro (no logo 1,762). La media del diesel servito scende a 1,957 euro/litro (contro 1,977), con i punti vendita delle compagnie che praticano prezzi medi compresi tra 1,885 e 2,012 euro al litro (no logo 1,861). I prezzi praticati del Gpl si posizionano tra 0,772 a 0,785 euro al litro (no logo 0,758). Infine, il prezzo medio del metano auto si colloca tra 2,041 e 2,423 (no logo 2,118).

LEGGI ANCHE: Prezzi dei carburanti in salita: benzina a 1,7 e diesel oltre 1,8

Quanto risparmiano gli italiani con il taglio delle accise 

Il taglio delle accise sarà prorogato fino al 31 dicembre e il risparmio calcolato ammonterebbe a circa 2,3 miliardi per gli italiani. Questo corrisponde a una diminuzione degli introiti dello stato. Di questi, circa il 66% (1,2 miliardi) sono a favore di aziende. Secondo un’analisi di Susini group, studio di Firenze leader nel settore della consulenza del lavoro, considerando che il consumo petrolifero italiano mensile medio nel 2022 è pari a circa 4,8 milioni di tonnellate, il contributo statale mensile risulta essere di circa 1,7 miliardi di euro.