Fallimento Ftx
Ftx, la piattaforma di scambio di cryptovalute, è fallita

Dove sono finiti i soldi? Se lo chiedono i giudici del processo Ftx, se lo chiede l’avvocato della società di Sam Bankman Fried, ma soprattutto se lo chiede chi ha investito in criptovalute sulla piattaforma del miliardario americano, il quale secondo alcuni rumors si sarebbe con i fondi dei risparmiatori comprato anche una casa alle Bahamas. Il quadro dipinto martedì nella prima udienza del processo per bancarotta nel Delaware è a tinte fosche. Il New York Times non ha esitato a definirlo cupo, nel cercare di capire il destino di miliardi di dollari, ma anche degli asset che i clienti hanno perso.  “Una sostanziale quantità di asset sono stati rubati o sono andati persi – dice James Bromley, un socio dello studio legale Sullivan e Cromwell, che sta rappresentando Ftx, nell’indagine per bancarotta della corte federale del Delaware”.

LEGGI ANCHE: Ftx Eu Lte, bloccate le autorizzazioni a operare in tutta Europa

Otto miliardi di dollari di debiti (almeno) 

Il buco lasciato dal fondatore del fondo è cospicuo. Si parla di otto miliardi di dollari di debiti, ma sopratutto ha acceso la scintilla per un indagine sulla sicurezza della società di criptovalute. Ora il dipartimento di giustizia dello stato americano sta cercando di capire si ci sia appropriazione indebita dei fondi dei clienti. Il nodo della questione girerebbe attorno a un prestito di svariati miliardi di dollari al fondo di cripto valute Alameda Research. Entrambe le società erano di proprietà di Sam Bankman Fried, che controlla Ftx. Il collasso ha lasciato gli investitori e le più grandi società preoccupati per il recupero di miliardi di dollari in criptovalute che sono stati depositati sulla piattaforma Ftx. Nei prossimi mesi il processo per bancarotta determinerà come la maggior parte del denaro potrà essere recuperato. Finora però Sam Bankman Fried ha lasciato i giudici con poche informazioni. In queste prime fasi sembra ancora lui l’unico a essere in grado di fare chiarezza su quella che diversi hanno già definito senza mezzi termini la Lehmann Brother’s delle monete virtuali.

LEGGI ANCHE: Criptovaluta o cripto-miraggio?