Cow eating hay at cattle farm.

Un nuovo studio ha rilevato che il 12% degli americani è responsabile del consumo della metà di tutta la carne bovina consumata in un determinato giorno, un dato che può aiutare i gruppi di consumatori e le agenzie governative a elaborare messaggi educativi sugli impatti negativi del consumo di carne bovina sulla salute e sull’ambiente.

Quel 12% – che molto probabilmente è costituito da uomini o da persone di età compresa tra i 50 e i 65 anni – mangia quella che i ricercatori hanno definito una quantità sproporzionata di carne bovina in un dato giorno, una distinzione basata sulle ultime “Linee guida dietetiche per gli americani”, che suggeriscono quattro once al giorno di carne, pollame e uova per chi consuma 2.200 calorie al giorno.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Nutrients, ha analizzato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey del CDC, che ha monitorato i pasti di oltre 10.000 adulti per un periodo di 24 ore. Il sistema alimentare globale emette 17 miliardi di tonnellate di gas serra all’anno, pari a un terzo di tutti i gas che riscaldano il pianeta prodotti dall’attività umana. L’industria della carne bovina contribuisce pesantemente a questo dato, producendo emissioni otto-dieci volte superiori a quelle del pollo e oltre 50 volte superiori a quelle dei fagioli.

“Ci siamo concentrati sulla carne bovina per il suo impatto sull’ambiente e perché è ricca di grassi saturi, che non fanno bene alla salute”, ha detto l’autore principale dello studio, Diego Rose, professore e direttore del programma di nutrizione presso la Scuola di Salute Pubblica e Medicina Tropicale della Tulane University.

Rose ha detto che lo scopo dello studio era quello di aiutare a indirizzare programmi educativi o campagne di sensibilizzazione a coloro che consumano quantità sproporzionate di carne bovina. Affinare la comunicazione sull’impatto ambientale della produzione di carne bovina è fondamentale in un momento in cui la consapevolezza del cambiamento climatico è più alta che mai.

Rose ha detto che lui e i suoi colleghi ricercatori sono rimasti “sorpresi” dal fatto che una piccola percentuale di persone sia responsabile di un consumo così sproporzionato di carne bovina, ma è ancora da stabilire se i risultati siano incoraggianti per i sostenitori della sostenibilità.

“Da un lato, se solo il 12% è responsabile della metà del consumo di carne bovina, si potrebbero ottenere grandi risultati se si coinvolgesse quel 12%”, ha detto Rose. “D’altra parte, quel 12% potrebbe essere più resistente al cambiamento“.

Lo studio ha anche rilevato che coloro che non erano consumatori sproporzionati di carne bovina avevano maggiori probabilità di aver consultato il sistema di orientamento alimentare MyPlate dell’Usda. “Questo potrebbe indicare che l’esposizione alle linee guida dietetiche può essere uno strumento efficace per cambiare i comportamenti alimentari, ma potrebbe anche essere vero che coloro che erano consapevoli di pratiche alimentari sane o sostenibili avevano anche maggiori probabilità di essere a conoscenza degli strumenti delle linee guida dietetiche”, ha detto Amelia Willits-Smith, autrice principale del lavoro e borsista post-dottorato presso l’Università del North Carolina a Chapel Hill.

Quasi un terzo della carne bovina consumata in un determinato giorno proveniva da tagli di manzo come la bistecca o la punta di petto. Ma sei delle 10 fonti principali erano piatti misti come hamburger, burritos, tacos, polpettone o spaghetti al ragù. Alcuni di questi alimenti possono offrire una facile opportunità ai mangiatori sproporzionati di carne bovina di modificare le proprie abitudini alimentari. “Se si prende un burrito, si può tranquillamente chiedere il pollo invece del manzo”, ha detto Willits-Smith.

Le persone al di sotto dei 29 anni e al di sopra dei 66 anni avevano meno probabilità di mangiare grandi quantità di carne bovina. Rose ha detto che questo indica che la generazione più giovane potrebbe essere più interessata a mitigare gli effetti del cambiamento climatico.

“C’è speranza nelle nuove generazioni, perché è il loro pianeta che erediteranno”, ha detto Rose. “Nei miei corsi ho visto che sono interessati all’alimentazione, al suo impatto sull’ambiente e a cosa possono fare al riguardo”. Oltre a Rose e Willits-Smith, tra gli autori dello studio figurano la dottoressa Keelia O’Malley, assistente clinico di Tulane, e Harmonii Odinga, laureato al Tulane Masters of Public Health.