I pionieri dell’eco-friendlysi rafforzano in Italia

È stata tra le prime aziende a introdurre nei suoi prodotti, prima ancora che le normative lo imponessero, l’utilizzo di refrigeranti a basso indice Gwp (Global Warming Potential), col suo R32. E ancora è stata la prima azienda a proporre l’utilizzo del refrigerante naturale R290. Ha sviluppato una speciale tecnologia per tubi,  condotti e componenti elettrici, per garantire una maggiore sicurezza. Vanta performance di eccellenza nei consumi. Non stupisce quindi che abbia ottenuto l’eco-label europea Blue Angel dalla German Environment Agency, che certifica i prodotti o servizi che rispettano requisiti ambientali, di salute e di performance elevati nell’intero ciclo di vita. Per Midea l’impegno verso la sostenibilità ambientale è una costante fin dalla fondazione, nel 1968. Oggi è il primo brand al mondo nel trattamento dell’aria, nella climatizzazione e nella produzione del piccolo e grande elettrodomestico: un colosso che con i suoi 13 marchi (tra cui, nell’home appliance, Colmo, Toshiba, Comfee e Master Kitchen oltre alla stessa Midea) fattura 39,5 miliardi di dollari negli oltre 200 Paesi in cui opera, con  33 stabilimenti produttivi in 16 nazioni diverse e 150mila dipendenti nel mondo. Per meglio sostenere il programma di espansione del proprio brand nel mercato globale, Midea ha recentemente siglato una importante partnership con il Manchester City in virtù di una profonda consonanza di valori nel nome dell’innovazione e dell’attenzione al consumatore, come promette il Pay off di Midea Make Yourself at Home.

E in Italia? Dal suo quartier generale di Saronno (Va), Midea Group annuncia nuovi progetti nel nome dell’innovazione, tra avanguardia tecnologica e uno stretto contatto con i bisogni reali dei consumatori.

Alberto Di Luzio (nella foto),  General Manager  di Midea Italia, forte di una solida esperienza internazionale maturata prima in Indesit come figura chiave nel Business Development e poi come Direttore Vendite in Whirlpool, è approdato in Midea con grandi piani per il consolidamento del brand presso il canale Retail nazionale e non solo, stabilendo nuovi obiettivi di crescita di ampio respiro nella prospettiva di assicurare all’azienda la brand reputation che le spetta nel panorama italiano. Il primo obiettivo? L’affermazione del brand, ancora relativamente un newcomer sul mercato nazionale (già ampiamente consolidato in ambito OEM e in espansione nel contesto della distribuzione specializzata ITSC), specialmente per quanto riguarda la vendita diretta al consumatore finale. Midea punta così a costruire una brand image in grado di radicarsi nelle scelte dei consumatori italiani, in virtù dell’alta qualità del suo portfolio merceologico, delle innovative funzionalità dei prodotti e di una filosofia aziendale che ripone i suoi valori nella concretezza e nella sostenibilità.

Tutto questo partendo da prodotti semplici e funzionali, per un brand mass quale Comfee,  passando per un range di soluzioni che consentono di “mettersi comodi a casa” con  Midea, specie nel piccolo e grande elettrodomestico freestanding, giungendo poi alla produzione Built-in “griffata” Master Kitchen, fino ad abbracciare la filosofia giapponese del “Takumi” nella perfezione ed eccellenza che contraddistingue da 140 anni il brand Toshiba.