Crisi Suez
MAERSK GRUPPO DANESE TRASPORTO MARITTIMO CANTIERISTICO NAVALE ARMATORE DI NAVI MERCANTILI LOGISTICA TRASPORTI CONTAINER INTERMODALE INTERMODALI NAVE NAVI

La crisi di Suez nel Mar Rosso, dovuta agli attacchi Huthi, non incide più di tanto sul costo delle merci italiane. Lo dice il report sui trasporti internazionali di Banca d’Italia, che spiega come nel 2023 l’incidenza dei costi di trasporto sul valore delle merci esportate e importate dall’Italia sia
significativamente diminuita. Si passa al 2,5 e 3,7 per cento dal 3,1 e 4,2 per cento nel 2022), in assoluto i valori più bassi dall’inizio del millennio. La riduzione tocca tutti i comparti, soprattutto quello marittimo, a causa di un contesto di offerta di carico abbondante, ma vi ha contributo anche la flessione dei prezzi del carburante. Nella maggior parte dei settori i noli sono tornati, in termini reali, ai livelli precedenti alla pandemia. Gli attacchi dei ribelli Huthi nel Mar Rosso hanno provocato tra novembre 2023 e gennaio dell’anno in corso un forte rialzo nelle tariffe navali container, parzialmente rientrato nel trimestre successivo. L’aggravio di spesa per le importazioni italiane dovrebbe verosimilmente risultare limitato.

La riduzione dei noli è stata la principale determinante della flessione (quasi esclusivamente
concentrata nel comparto navale) del disavanzo dei trasporti mercantili nella bilancia dei pagamenti dell’Italia (sceso a -9,9 miliardi di euro, dal massimo storico di -14,0 toccato nel 2022). Vi ha contribuito in parte anche l’aumento della quota di mercato dei vettori italiani nel settore marittimo.

LEGGI ANCHE: La Crisi di Suez non è finita. Ne fanno le spese i trasporti via mare

Crescono i biglietti aerei, ma cala il prezzo del trasporto merci

Nel 2023, i costi medi del trasporto aereo hanno registrato una significativa riduzione, circa del 30%, riportandosi su livelli vicini a quelli pre-pandemia, specialmente per le esportazioni. Questo fenomeno ha interessato tutte le aree geografiche, sebbene con intensità variabile a seconda della domanda di carico, generalmente debole; le diminuzioni più marcate sono state osservate nei paesi asiatici e americani. In termini reali, i costi medi hanno raggiunto livelli inferiori alla media degli ultimi venti anni.