HiNelson è la startup di accessori nautica e articoli per la pesca sportiva da diporto. che nel 2021 ha raggiunto un fatturato di un milione e mezzo di euro, si appresta nel 2022 a chiudere l’anno con una previsione di 2milioni e 400mila euro, conta oltre 55mila accessori e componenti per la nautica e per la pesca sportiva, rifornisce 35mila possessori di imbarcazioni.

Ma soprattutto sta rivoluzionando il modo di vivere la propria passione per il mare grazie a negozi fisici e all’e-commerce.

Punto di riferimento dei sea lovers

Fondata da un under 30 nel 2018, HiNelson ha creato una vera e propria community di più di 55mila sea lovers che ogni giorno trovano sulla piattaforma della startup tutto ciò che serve: dagli accessori per le imbarcazioni, agli sport acquatici fino all’attrezzatura per la pesca sportiva

Con più di 8.300 Km di costa, l’Italia è una penisola di amanti del mare. Secondo i dati, più di 600mila imbarcazioni navigano le nostre acque e al primo posto tra gli sport individuali ci sono gli sport acquatici.

Numeri che raccontano un interesse verso il mare da parte degli italiani che però, fino a qualche anno fa, non avevano un luogo digitale per portare avanti le loro passioni. Infatti, si parla di attività che richiedono strumenti e accessori tecnici di qualità non sempre facilmente reperibili.  

La “scoperta” dell’online

Proprio dallo studio di questo mercato che nel 2018, Marcello Labruna, all’epoca 23enne ha deciso di creare HiNelson, un e-commerce che potesse diventare il punto di riferimento per tutti gli appassionati di nautica, sport acquatici e pesca sportiva. “Studiando il mercato dai dati è emerso che in Italia la maggior parte degli acquisti su queste categorie merceologiche viene fatto per il 90% nei negozi fisici quando invece l’utilizzo di piattaforme online darebbe la possibilità a chiunque e in ogni posto di acquistare tutto ciò che gli serve per godere a pieno della propria passione.” spiega Labruna.

L’Academy ti aggiorna con contenuti gratuiti

Il progetto prende piede e in pochi anni diventa effettivamente un riferimento per gli amanti del mare: l’ecommerce conta oltre 55mila accessori e componenti per la nautica e per la pesca sportiva che vengono acquistati dagli oltre 35mila i possessori di imbarcazioni che si forniscono sulla piattaforma. La startup chiude infatti il 2021 con 1,5 milioni di euro di fatturato.

La fiducia riposta dai loro utenti ha permesso a Marcello Labruna (CEO), Raffaele Dayan (COO), Lorenzo Zabban (CGO) e a tutto il team di creare uno strumento in più per creare una community di appassionati intorno al tema, che ad oggi conta più di 57mila persone. 

Nasce così HiNelson Academy, una piattaforma gratuita di e-learning interamente dedicata al mondo della nautica, che prevede contenuti di blog e video su Youtube che conta milioni di minuti di visualizzazioni.

Un negozio fisico per la passione nautica

HiNelson a giugno 2022 ha aperto il suo primo flagship store da oltre 400 metri quadrati a Milano con l’obiettivo di coniugare la vendita online con il negozio fisico per offrire un’esperienza d’acquisto più completa, dando la possibilità agli appassionati di poter toccare con mano i prodotti che vogliono acquistare e che porteranno sulle loro banche, lasciando intatto e sempre trasparente il prezzo.

Siamo partiti da Milano, perchè è il più grande porto d’Italia, data l’alta concentrazione di possessori di imbarcazioni. Il nostro traguardo – spiega il founder Marcello Labruna è quello di discostarci dai tradizionali negozi fisici di nautica e pesca sportiva che sono piccoli e concentrati principalmente nelle zone limitrofe ai porti. I nostri store saranno ampi e innovativi, ed offriranno ai clienti ed appassionati di mare angoli esperienziali, workshop formativi, show room, serate di condivisione, di lanci di prodotti nella parte offline. I nostri negozi saranno ubicati nelle principali città italiane per raggiungere i diportisti tutto l’anno.”

Un team giovane e in crescita

La startup che ha sede a Milano e a Monopoli, in Puglia, può contare su 14 risorse con un’età media che si aggira intorno ai 28 anni. Team che si appresta a crescere entro il 2023 e che sta contribuendo a rivoluzionare un mercato che fino ad oggi in Italia risultava ancora poco digitalizzato.