Gruppo Cassa Centrale e Prelios Credit Servicing

L’Assemblea dei Soci di Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo Italiano si  è riunita oggi per approvare il secondo bilancio consolidato del Gruppo Bancario Cooperativo,  costituito dalla Capogruppo Cassa Centrale, dalle Società controllate e da 77 Banche di Credito  Cooperativo, Casse Rurali e Raiffeisenkassen.  

I dati collocano il Gruppo ai vertici del panorama bancario nazionale per patrimonializzazione e ne  confermano la capacità di svolgere sempre meglio il proprio ruolo a sostegno delle Comunità,  reagendo più che positivamente all’emergenza Covid-19.  

Cresce l’utile netto a 245 milioni di Euro (+8,8% rispetto ai 225 milioni del 2019) e, a conferma della  solidità del Gruppo, migliora anche il CET1 ratio attestandosi al 21,46% rispetto al 19,7% del 2019.  

Grande è stato l’impegno del Gruppo sia sul fronte delle oltre 120 mila moratorie per complessivi 14  miliardi, che del nuovo credito erogato a favore di imprese e famiglie per un ammontare  complessivo nel 2020 di oltre 11 miliardi. Di particolare rilievo anche le 14.250 sponsorizzazioni e  beneficenze per un totale di 26,2 milioni di Euro erogati sui territori: un insieme di interventi capillare,  che testimonia la vicinanza dell’intero Gruppo alle Comunità.  

“Pur in un contesto molto delicato – dichiara il Presidente di Cassa Centrale Giorgio Fracalossi – il  2020 è stato un anno positivo per il Gruppo. I numeri presentati oggi in Assemblea rappresentano  una testimonianza concreta della forza del Gruppo e allo stesso tempo del nostro essere,  coerentemente, Banche di Credito Cooperativo”.  

Per quanto riguarda i dettagli del bilancio 2020 appena approvato, il totale attivo si attesta a 83,1  miliardi di Euro. Registra una forte crescita la raccolta complessiva (+11%) pari a 91,6 miliardi. La  componente della raccolta diretta aumenta su base annua di 5,2 miliardi (+10%) e la raccolta  indiretta cresce di 3,6 miliardi (+13%) grazie a una significativa spinta delle componenti di risparmio  gestito (+15%) e del comparto assicurativo (+19%) che rappresentano, alla fine del 2020, il 63% della  raccolta indiretta totale.  

In aumento a 46,2 miliardi i crediti verso la clientela (+5,4%), una dinamica che deriva anche dai  3,3 miliardi di finanziamenti erogati con garanzia statale a sostegno di un contesto economico  fortemente condizionato dalla pandemia. Si evidenzia una contrazione dell’NPL ratio di Gruppo dal  9,3% del 2019 al 6,8% di dicembre 2020. Oggi il Gruppo con il 65% circa di copertura del credito  deteriorato si posiziona ai massimi livelli del sistema bancario italiano. 

L’Assemblea ha inoltre approfondito le prospettive di sviluppo definite nel prossimo Piano Strategico  2021-2024 che sarà presentato alla BCE, alla Banca d’Italia e al mercato nelle prossime settimane.  

“Su tutto il sistema bancario pesa ancora l’incertezza in termini di uscita definitiva dalla pandemia,  – continua il Presidente Fracalossi – anche se abbiamo piena fiducia nella capacità di ripresa  dell’Italia. Il nostro Piano Strategico coniugherà le direttrici del pragmatismo con quelle della visione  a medio lungo termine in una prospettiva di crescita autonoma, consentita dalle dimensioni, dalla  solidità, dalla redditività e dai consolidati rapporti con i territori che contraddistinguono il Gruppo”.  

Le aree di intervento individuate all’interno del Piano Strategico riguardano:  

∙ lo sviluppo commerciale attraverso l’ampliamento dell’offerta e la crescita del numero dei  clienti, confermando la prossimità territoriale;  

∙ l’evoluzione degli strumenti IT, la valorizzazione del capitale umano e l’ulteriore sviluppo  dell’identità di Gruppo;  

∙ l’efficientamento del modello di business attraverso la definizione di un target basato sulla  vicinanza al cliente, sulla cultura cooperativa, sulla sostenibilità e sulla formazione  professionale dei collaboratori;  

∙ l’attenzione al capitale e ai profili di rischio attraverso la gestione proattiva del portafoglio  crediti e la riduzione dei rischi finanziari.  

Il Gruppo Cassa Centrale intende, inoltre, valorizzare l’attività di mercato a favore delle Banche  clienti extra Gruppo, generando reciproci vantaggi in termini di stabilità, sinergie di costo ed  efficienza operativa.  

Nell’ambito dell’Assemblea, infine, è stato integrato il CdA di Cassa Centrale Banca con la nomina  di Paolo Piscazzi, Presidente della BCC Cassano delle Murge e Tolve.