IL PRESIDENTE DELL’UCRAINA VOLODYMYR ZELENSKY
Il grano dell’Ucraina si è mosso dai porti e c’è uno spiraglio per Africa e Asia. Il primo treno merci con un carico di granaglie è arrivato in Lituania passando per la Polonia. Per le esportazioni, Kiev cerca rotte alternative ai porti bloccati dalla guerra, utilizzano delle navi per forzare il blocco. La partenza del grano fa tirare un sospiro di sollievo non solo all’Europa, ma anche e soprattutto al continente africano. Sul tema è intervenuta anche la Commissione Europea: «Putin usa il tema alimentare – dice la Commissione Europea – come arma e l’impatto si sente anche in Africa e Asia. 20-25 milioni di tonnellate di grano devono lasciare l’Ucraina in meno di 3 mesi».
A poco a poco si riprende a lavorare

Più di 500 aziende ucraine sono state trasferite in aree sicure, la maggior parte delle quali nel settore della trasformazione. Deregolamentazione, tagli alle tasse, prestiti allo 0% e assistenza logistica hanno consentito a gran parte delle aziende ucraine di tornare al lavoro. Lo ha affermato il Primo Ministro Denis Shmygal durante una riunione del Governo.

«Il numero di imprese – ha detto Shmygal – che hanno cessato completamente l’attività si è quasi dimezzato rispetto all’inizio delle ostilità, dal 32% al 17%. Negli ultimi mesi sono state aperte più di 20mila nuove FOP (imprenditori privati). Questo infatti è in linea con il 2021». Denis Shmygal ha aggiunto anche che più di 215mila aziende hanno scelto di passare al nuovo sistema fiscale, dove l’aliquota è solo del 2%. Si tratta di oltre 44 mila persone giuridiche e 173 mila singoli imprenditori. Inoltre, grazie all’espansione dei programmi di prestito al di sotto dello 0%, secondo il Primo Ministro, si registra un aumento significativo degli impieghi, anche a scopo di investimento.

LEGGI ANCHE: Guerra Ucraina: ferma la trattativa non le accuse tra negoziatori

L’Ucraina vogliono riaprire ai negoziati con la Russia

Il presidente Volodymyr Zelensky ha annunciato che l’Ucraina tornerà ai colloqui con la Russia quando le truppe russe si ritireranno completamente. Orrore a Mariupol, dove circa 200 corpi sono stati trovati tra le macerie di un rifugio su Myru Avenue, dice il portavoce del sindaco della città. Lo Stato maggiore dell’esercito ucraino avverte che i russi si preparano a riprendere l’offensiva nell’area di Vasylivka a Zaporizhzhia. Per l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, 3.942 civili sono morti e 4.591 sono rimasti feriti in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa.