Gianfranco Dote è il nuovo CEO di Save Your Home (SYHO), la prima società benefit in Italia che opera nel mercato dei mutui ipotecari deteriorati, aiutando i debitori a non perdere la loro casa all’asta, le banche a recuperare le posizioni di credito in sofferenza e il mercato ad investire in modo etico oltre che remunerativo.

Dove acquistare crediti immobiliari, l’approccio di SYHO

Quarantanovenne, con una solida esperienza manageriale e professionale in importanti aziende italiane e internazionali del settore immobiliare e dei servizi finanziari e tecnologici come Agos, Gabetti, The Art Finance, Helyos e Scrypta, Dote si è dedicato negli ultimi quindici anni a startup e progetti tecnologici innovativi, anche in veste di socio co-fondatore, con un particolare focus su iniziative fintech e proptech.

La nomina di Dote a CEO risponde all’esigenza di perseguire il positivo impatto sociale di Save Your Home, coniugando il crescente interesse per gli investimenti ESG con un’organizzazione operativa digitale, un elevato contenuto tecnologico e un approccio fortemente innovativo nel mondo delle cartolarizzazioni dei crediti immobiliari, in un fase storica in cui i temi dei crediti deteriorati e delle aste immobiliari sono entrati di prepotenza nella dialettica quotidiana e acquisiscono una sempre maggiore importanza sia per i debitori, sia per le banche, sia per l’economia del Paese.

 

SYHO e l’alto impatto sociale dell’azienda

«Save Your Home è un’iniziativa ad altissimo impatto sociale nella quale intendo apportare il necessario contributo strategico ed operativo», così Dote ha commentato la sua nomina, «la mia intenzione è rendere la società una digital company ad alto contenuto innovativo e tecnologico, grazie alla mia esperienza nel campo della tecnologia applicata agli investimenti immobiliari e ai servizi finanziari di supporto, oltre al mio background nel mondo degli intermediari finanziari supervisionati e del real estate più in generale».

«Siamo la prima società in Italia che opera nel mondo delle cartolarizzazioni a valenza sociale – ha concluso – offrendo agli investitori ESG e alle istituzioni finanziarie un nuovo, valido interlocutore di riferimento, con l’ambizione di contribuire positivamente al sistema Paese interpretando in modo socialmente responsabile l’approccio agli NPL immobiliari».