Quantcast

IDEE & BUSINESS

Il gestionale “pratico”
fa bene alla produttività

Quando un sistema gestionale incontra l’open banking, nasce l’opportunità di semplificare in tutta sicurezza la vita di milioni di partite Iva, dal professionista alla microimpresa

Chiara Merico
Il gestionale “pratico”fa bene alla produttività

Il 2019 verrà ricordato da molte partite iva come l’anno della fattura elettronica che tra lacrime e sangue di molti è comunque andato a regime, dimostrando solo dopo i benefici della digitalizzazione di questo processo. Allo stesso modo il 2021 molto probabilmente sarà ricordato come l’anno di apertura a soggetti terzi dei dati bancari e finanziari dei correntisti, una rivoluzione che prende il nome di open banking.

Questa rivoluzione di processo e tecnologica in atto in tutti i settori anche quelli più restii al cambiamento, è  arrivata anche nell’ambito bancario italiano, un po’ in sordina e con una gestazione più lunga del previsto, negli ultimi mesi se ne è sentito parla sempre più spesso dalle banche stesse, interessate ad innovare la relazione con la propria clientela attraverso lo sviluppo di servizi derivanti dall’uso o l’interazione con terze parti, che a loro volta si sono mostrate interessate a sviluppare nuovi servizi derivanti proprio da questa apertura del circuito bancario a loro precluso fino a poco tempo fa.

Il tutto nasce da una direttiva europea avviatasi molti anni addietro, ed ancora poco nota ai non addetti al settore, ma che ha già avuto effetti evidenti su molti possessori di conto corrente, che negli ultimi mesi sono stati invitati a modificare le modalità di accesso al proprio conto corrente in un’ottica di maggiore sicurezza imposta proprio dalla suddetta direttiva, per arrivare cosi ad abilitare in modo sicuro proprio l’interazione con le terze parti.

La Direttiva dei Sistemi di Pagamento (Psd2) dunque regolamenta i servizi di pagamento e i gestori dei servizi di pagamento all’interno dell’Unione europea, che non si limita alla sola definizione letterale, ma permette e apre il sistema bancario a delle interazioni di scambio di informazioni funzionali alla costruzione di nuovi servizi utili per i consumatori. Di fatto aprendo il mondo bancario ad interagire con l’esterno e permettendo cosi la creazione di un ecosistema di applicazioni, che in un mercato in sana competizione può apportare grandi benefici ai consumatori finali.

La Psd2 è inoltre una direttiva europea, questo vuol dire che tutte le banche europee e i gestori di servizi europei potranno interagire tra di loro in modo diretto con uno standard certo, sicuro e uniforme. Anche questo a vantaggio di tutte le applicazioni e servizi futuri che verranno implementati.

È proprio in questo scenario di apertura del mondo bancario e di innovazione che myfoglio e Yapily, attori specializzati nei rispettivi ambiti, hanno stretto una partnership per abilitare milioni di partite iva, circa 3,5 nel solo mercato italiano, ad essere più efficienti e veloci nelle proprie attività amministrative.

Myfoglio, già presente sul mercato dal 2014 con una soluzione gestionale in cloud, agile e veloce, rivolto alle partite iva individuali e alle microimprese, ha scelto di integrare i servizi di Yapily, azienda inglese esperta nell’open banking in grado già oggi di connettere migliaia di banche europee in quanto capace di implementare la Psd2 al 100%, e che offre la possibilità di creare quelle fondamenta solide per lo sviluppo di nuovi servizi innovativi in questo ambito.

Sarà dunque possibile accedere alla propria movimentazione bancaria (conti correnti, strumenti di pagamenti, affidamenti e mutui) anche dal gestionale cloud myfoglio utilizzando la tecnologia di Yapily, a tutto vantaggio dell’utente che potrà in unico posto visionare incassi e pagamenti, ed effettuare la riconciliazione automatica, senza più svolgere attività manuali di travaso delle informazioni tra sistemi differenti, come accade ancora oggi con i gestionali tradizionali e l’internet banking della banca. Il tutto genera un ovvio evidente beneficio in termini di tempo risparmiato, e conseguente riduzione degli errori precedentemente dati proprio dalla alta manualità delle attività a carico dell’utente.

Inoltre myfoglio con la sua continua missione di semplificazione delle attività amministrative ai professionisti e le microimprese, grazie a Yapily andrà oltre permettendo anche la predisposizione degli incassi fatture e la disposizione di pagamenti delle fatture fornitori, il tutto all’interno del gestionale stesso e con un semplice clic.

Ogni partita iva, dal professionista alla grande azienda, mediamente svolgono diverse attività nel loro quotidiano per far funzionare il business. Integrando quindi i servizi di Yapily, nel gestionale cloud myfoglio si potrà far vivere agli utenti un esperienza unica e senza discontinuità, permettendo ad esempio di gestire un intero ciclo commerciale e amministrativo, che può andare dell’emissione di un preventivo, alla generazione di una eventuale bolla di trasporto (ddt) ove richiesto, alla conseguente emissione della fattura e successivo incasso con registrazione in automatico in prima nota, il tutto con un numero di passaggi ridotto e senza mai abbandonare lo stesso applicativo.

Tutto questo è ovviamente un esempio di come l’innovazione opportunamente utilizzata e integrata dia un ritorno tangibile e misurabile per questo tipo di soggetti, già nelle attività quotidiane.

Passiamo dunque dire che l’open banking e la Psd2 gestita tramite Yapily all’interno del gestionale cloud myfoglio, sono parte dello “tsunami” tecnologico in atto, e permettono un miglioramento nella gestione dei processi quotidiani anche su quella tipologia di utenti, professionisti o microimprese, che fin a poco tempo fa non potevano permetterselo, per via degli eccessivi costi di investimento e di competenze richieste, che solo le medie e grandi aziende potevano permettersi.


www.myfoglio.com

www.yapily.com

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400