Foto da collezione, l’arte di Alidem

La più recente aveva un titolo intrigante e “contaminato” da un’altra Musa, la canzone: “I marinai baciano e se ne vanno”, che fa pensare a Madama Butterfly o a Lucio Dalla, ma è stata in realtà una meravigliosa mostra fotografica come quelle alle quali ci sta abituando Alidem, la società inventata da Pompeo Locatelli (con sede in via Pola a Milano) che seleziona e produce opere fotografiche in edizioni limitate, con proposte esclusive e mai scontate proponendole a un pubblico internazionale di collezionisti

e appassionati. La logica di questo personaggio poliedrico ed entusiasta, commercialista e consulente d’affari internazionale, non è stata solo quella di dar sfogo ad un suo hobby, ma al contrario di fare sulla fotografia un’investimento culturale alternativo, per rendere un’arte non minore ma diversa – peraltro mai così in auge come da quando siamo entrati nell’era della Rete – accessibile a tutti,  garantendo sempre massima qualità e professionalità.

La strategia di Alidem sta nell’investire sia su artisti affermati che su fotografi giovani, italiani e internazionali, comprando i diritti d’autore delle fotografie e riproponendole a tiratura limitata. Le opere di Alidem sono numerate, realizzate in tiratura limitata (da 3 a 100 esemplari originali per singolo scatto, a prescindere dal formato) e firmate dall’autore. Di alcune opere vengono realizzate delle Open edition, opere fotografiche a tiratura non limitata e numerate progressivamente. Nell’epoca dell’indistinto internettaro, un meritorio salto di qualità.