Andrea Cafà, presidente di Cifa Italia

Il  Sud Italia locomotiva d’Europa per l’innovazione. La proposta è arrivata dal ministro Mara Carfagna al Forum Verso Sud, organizzato a Sorrento con The European House-Ambrosetti, ma ha riscosso l’apprezzamento del presidente dell’associazione di imprese Cifa Italia Andrea Cafà.

«Trovo del tutto condivisibile la proposta del ministro per il Sud e la coesione territoriale, Mara Carfagna – e sostenuta dalla gran parte delle forze di governo – di favorire gli investimenti nel Mezzogiorno d’Italia al fine di renderlo polo d’innovazione per tutta l’area euromediterranea». 

Ripartire dal Sud Italia

«Sono convinto – ha proseguito Cafà – che il Sud sia indispensabile per il rilancio del nostro Paese. Da qui a breve attrarrà molti investimenti necessari a ricostruire le catene globali del valore in Europa. Da tempo sosteniamo una maggiore sinergia tra pubblico e privato nella gestione di programmi di sviluppo finalizzati a rendere il Mezzogiorno non solo la locomotiva per la crescita dell’intero Paese ma anche il principale attore nella costruzione dell’area euro mediterranea».

Nell’intento de presidente di Cifa c’è la trasformazione del Meridione in un punto di riferimento non solo per l’Europa, ma anche per il continente africano.

«A questo fine, vanno rafforzati il dialogo e la proposta progettuale con i paesi più stabili dell’area mediterranea, come per esempio il Marocco, intraprendendo un percorso comune che sia principalmente di tipo politico. L’Africa è il continente del futuro e il Sud Italia è l’autostrada per arrivarci. Solo avendo chiaro questo presupposto, si potranno avviare azioni concrete, evitando che il Sud resti destinatario di misure assistenziali nonché oggetto di impegni politici puntualmente disattesi» ha concluso il presidente di Cifa Italia

LEGGI ANCHE: Incendi, Patuanelli “Governo valuta task force per Sud Italia”

Il Sud traino per le energie alternative

La stessa organizzatrice del convegno, la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha parlato del ruolo da protagonista che dovrà avere il Sud Italia soprattutto nel campo delle energie alternative. In particolare l’ex ministro a posto l’accento sulla possibilità che il Meridione si possa trasformare in un grande produttore di energia fotovoltaica, in un momento storico nel quale le rinnovabili dovranno diventare protagoniste.

.