fitness

Ci vuole un fisico bestiale (e uno stile di vita sano) anche per investire. Ne sanno qualcosa Massimo Pogliani (ex ceo di Illy) e Arrigo Berni, Adjunct Professor di Strategic Management al Politecnico di Milano ed ex CEO di Moleskine, che hanno deciso di investire in chi il fisico bestiale se lo vuole creare. O almeno punta sul proprio benessere. I due, infatti,  hanno deciso di investire nel network di palestre Egosistema, che sta facendo incetta di capitali (a oggi circa 2,3 milioni di euro) su CrowdFundMe – piattaforma di Crowdinvesting (Equity Crowdfunding, Real Estate Crowdfunding e Private Debt) quotata a Piazza Affari – quasi triplicando il primo obiettivo economico di 800mila euro. 

Nell’era post-Covid, – spiega Pogliani, – l’importanza di mantenere un fisico sano e una mente equilibrata è diventata più evidente che mai. Ho investito nella società perché ritengo sia un progetto che va ben oltre la semplice nozione di “centro fitness”. La tendenza crescente ad adottare stili di vita più sani non è quindi un fenomeno temporaneo, ma una nuova consapevolezza che rimarrà radicata nel tessuto sociale. Palestre Italiane è perfettamente posizionata per rispondere a questa crescente domanda.”

 

Sulla stessa lunghezza d’onda anche  Berni, che spiega con tre motivazioni la sua scelta di investire: “I trend socio-demografici che favoriscono il settore. La selezione provocata da Covid-19, che ha favorito operatori solidi come Egosistema. La qualità del management che, di fronte alla crisi dovuta alla pandemia, ha saputo migliorare l’efficienza della gestione e mettere la società nelle condizioni migliori per approfittare della ripresa”.

Un gruppo in continua crescita

Il gruppo, guidato da Francesco Iezzoni e presente, con 12 club a gestione diretta, in sei città italiane, tra cui Milano, Roma e Bologna, opera attraverso i due brand Prime (segmento premium) e Palestre Italiane (segmento budget gym) e un’accademia per la formazione dei trainer. Dal 2009 a oggi, i soci sono passati da 900 a 30000, i ricavi da 589mila euro a un previsionale 2023 di 15 milioni, nonostante la battuta d’arresto subita dal business del fitness a cavallo del 2020 e 2021, a causa della pandemia da Covid-19. In particolare, nel 2022, la società ha registrato ricavi consolidati per quasi 12 milioni – maggiori di 3,3 milioni (+38%) rispetto al 2021 – e nei primi sei mesi del 2023 aumenti ulteriori per oltre 2 milioni (+31,7% rispetto allo stesso periodo del 2022), arrivando complessivamente a 7,7 milioni nel primo semestre di quest’anno. Dal 2019 al 2023, il network Palestre Italiane è stato giudicato il “Miglior Servizio di Fitness Club in Italia”, secondo l’indagine “Migliori in Italia – Campioni del Servizio”, la più ampia ricerca nel nostro paese dedicata al livello del servizio offerto ai consumatori italiani. Nel corso dei cinque anni, il brand ha inoltre migliorato il gradimento dei suoi iscritti, piazzandosi davanti a competitor italiani e stranieri di primo piano.

LEGGI ANCHE: Fitness e gamification l’opportunità che mancava

La scelta dell’equity crowdfunding è stata dettata dalla volontà di coinvolgere attivamente la nostra base clienti nella crescita ed evoluzione del nostro network” afferma il Ceo di Egosistema, Francesco Iezzoni. “È una modalità di finanziamento accessibile ad ampie fasce di pubblico, grazie anche a piattaforme come CrowdFundMe, che rendono il processo comodo e trasparente. Del resto, da quando siamo diventati SPA, abbiamo abbracciato forme di finanziamento alternative ai canali tradizionali del credito. Mi rende orgoglioso che Egosistema diventi apripista anche in questo ambito, così come lo è stata nel fitness“.

Come saranno impegnati i finanziamenti

I finanziamenti raccolti nella campagna di crowdfunding su CrowdFundMe, che terminerà nella seconda metà di ottobre, saranno impiegati per l’apertura di un flagship club di nuova generazione che fungerà da modello sperimentale per l’adeguamento graduale di tutti gli altri club del gruppo, l’acquisizione e riapertura con i brand Prime e Palestre Italiane di due club esistenti, la creazione di una piattaforma smart digital dove erogare corsi in live streaming e con cui gestire da remoto tutte le attività dei centri, e l’efficientamento energetico delle strutture per ridurre l’impatto ambientale.