Banca AideXa lancia il conto deposito per i privati
Il Ceo di Banca Aidexa Federico Sforza e il presidente Roberto Nicastro

Banca AideXa tira le somme sul 2021 e guarda a nuovi progetti. La fintech fondata durante la pandemia dal Presidente Roberto Nicastro e dal Ceo Federico Sforza, dedicata esclusivamente alle piccole imprese e che lo scorso giugno ha ottenuto la licenza bancaria, ha chiuso il 2021 con oltre 80 milioni di finanziamenti erogati e 60 milioni di depositi raccolti. Nel quarto trimestre del 2021 è cresciuta del 500% rispetto ai tre mesi precedenti. L’autorizzazione bancaria ha impresso un’accelerata anche alla crescita dei clienti di Banca AideXa, che attualmente superano i 2.000.

Obiettivo: 100 assunzioni nel 2022

Ad attrarre le PMI italiane sono finanziamenti distintivi, interamente digitali, nati per rendere semplice, veloce e conveniente l’accesso al credito online grazie ai dati dell’Open Banking: dai finanziamenti X Instant (fino a 100.000 euro ottenibili in meno di 48 ore) e X Garantito (fino a 500.000 euro garantiti dallo Stato, erogati in pochi giorni) fino al conto deposito X Risparmio, che offre tassi di interesse molto convenienti. Banca AideXa, inoltre, si è posizionata al primo posto nella classifica di Linkedin Top Startups 2021, dedicata alle 10 aziende italiane che hanno continuato a crescere e ad attrarre talenti. A tal proposito, Banca AideXa prosegue nella campagna di talent acquisition orientata a profili professionali con competenze digitali e finanziarie. Al momento il numero degli Aidexers supera 50 e l’obiettivo è arrivare a oltre 100 assunti entro la fine del 2022. Le nuove assunzioni riguarderanno profili con competenze digitali ed economico-finanziario, in particolare software engineer, developer, solutions architect, business bankers e CRM specialist. Traguardi che si inseriscono in uno scenario che ha visto il fintech in forte ascesa nell’ultimo anno: come emerso dal quarto Osservatorio FinTech PwC in Italia, le aziende hanno retto molto bene al contesto pandemico, con un fatturato complessivo che è aumentato del 31% nel 2020. Tra i settori che hanno registrato una maggior crescita c’è il Lending (+26%), determinante nel far fronte alla domanda di credito emersa dalle piccole e medie imprese.

Favorire l’accesso al credito per le PMI

«Il primo compleanno di operatività è stato ricco di soddisfazioni per Banca AideXa. Dall’ottenimento della licenza bancaria il numero dei clienti è cresciuto esponenzialmente, facilitando l’accesso al credito a micro e piccole imprese. Questo significa che gli imprenditori italiani, che ringrazio, credono nei nostri servizi innovativi, concepiti appositamente per rispondere alle loro specifiche esigenze finanziarie con velocità, semplicità ed efficienza – dichiara Federico Sforza, amministratore delegato di Banca AideXa – i nostri prodotti di finanziamento sono valutati 4.7 su 5.0 stelle in Trustpilot. In generale, gli imprenditori sono sorpresi dalla velocità dei nostri processi e dalla professionalità. Soddisfazioni che ci spingono a fare sempre di più in termini di sviluppo di nuovi prodotti e servizi, innovazione e crescita di tutta la squadra». Per quanto riguarda l’anno in corso, Banca AideXa ha già avviato l’aggiornamento del piano industriale per considerare i risultati del periodo di “start-up” e l’attuale contesto di mercato. Tra gli obiettivi principali del 2022: sviluppare nuovi prodotti di credito per supportare la crescita a breve e a medio-lungo termine delle aziende e lanciare nuovi servizi transazionali a valore aggiunto per semplificare la vita di chi fa impresa. Il 2022 vedrà inoltre Banca AideXa rafforzare i canali digitali, la rete di partner, rendere i processi più agili per migliorare l’esperienza dei clienti, focalizzarsi su dati e intelligenza artificiale, sull’open banking, con approccio “capital light”.