consumatori

Aumenta la fiducia dei consumatori nel mese di dicembre. Si tratta del primo rialzo dopo quattro mesi consecutivi di calo. Il dato raggiunge il livello più elevato dallo scorso luglio. A darne comunicazione è l’Istat con un comunicato che spiega come si sia passati dal valore 103,6 a quello di 106,7. Più accentuata, invece, è la crescita per l’indice composito del clima di fiducia delle imprese, che sale da 103,5 a 107,2.

Istat, aumenta la fiducia dei consumatori

L’Istat stima un miglioramento delle opinioni dei consumatori soprattutto sulla situazione economica generale e sulla situazione futura. L’evoluzione positiva è evidenziata dai quattro indicatori calcolati mensilmente a partire dalle stesse componenti del clima di fiducia: il clima economico e quello futuro registrano gli incrementi più consistenti (il primo passa da 111,0 a 118,6 e il secondo da 109,3 a 113,5); il clima corrente aumenta da 99,8 a 102,2 e il clima personale sale da 101,2 a 102,8.

Cresce in tutti i settori tranne la manifattura

Con riferimento alle imprese, si stima un miglioramento della fiducia, seppur con intensità diverse, in tutti i comparti ad eccezione della manifattura. Più in dettaglio, nei servizi di mercato si registra un marcato aumento con l’indice che passa da 96,7 a 106,4; nelle costruzioni e nel commercio al dettaglio l’incremento è più contenuto (l’indice cresce, rispettivamente, da 161,3 a 162,9 e da 107,5 a 107,8). Infine si stima un peggioramento della fiducia nella manifattura (l’indice diminuisce da 96,6 a 95,4).

Positivo il giudizio sugli ordini

Quanto alle componenti degli indici di fiducia, nella manifattura giudizi sugli ordini e sulle scorte di prodotti finiti sostanzialmente stabili rispetto al mese scorso si abbinano ad attese di produzione in deciso peggioramento. Nelle costruzioni si stima una crescita di tutte le componenti. In relazione ai servizi di mercato, l’Istat evidenzia un deciso miglioramento dei giudizi sugli ordini e sull’andamento degli affari. Con riferimento al commercio al dettaglio, si stima una dinamica estremamente positiva per i giudizi sulle vendite, mentre le relative attese sono in diminuzione; tale evoluzione è determinata dalla grande distribuzione.

LEGGI ANCHE: “Consumi, per i giovani italiani meno beni e più viaggi nel 2024”

Fiducia dei consumatori, in rialzo dopo quattro mesi

“L’aumento dell’indice – spiega l’Istata in una nota – è determinato dal comparto dei servizi e da quello delle costruzioni. L’indice di fiducia dei consumatori aumenta per il secondo mese consecutivo e si riporta, anch’esso, sul livello di luglio 2023. Si evidenzia un generale miglioramento di tutte le variabili che compongono l’indicatore ad eccezione dei giudizi sull’opportunità di risparmiare nella fase attuale, che rimangono sostanzialmente stabili rispetto al mese scorso“.