Eolie
FINCANTIERI PALERMO CANTIERE NAVALE CANTIERI NAVALI INDUSTRIA CANTIERISTICA INDUSTRIA METALMECCANICA COSTRUZIONE NAVI BACINO DI CARENAGGIO INDUSTRIA PESANTE PORTO

Dal 4 settembre, in piena stagione turistica le Eolie rischiano di subire il consueto primo taglio di corse delle navi: quello della tratta da e per Palermo e di due delle cinque corse che collegano le isole con Messina. Per questo motivo Federalberghi Isole Eolie chiede all’;assessore alle Infrastrutture e alla mobilità della Regione siciliana, Marco Falcone di prorogare gli orari estivi dei collegamenti marittimi fino al 30 settembre.

Evitare le ripercussioni negative sul turismo

La richiesta arriva in una delle estati più difficili per il settore turistico e alberghiero. “Le ripercussioni negative sul turismo eoliano sarebbero evidenti – dice il presidente di Federalberghi Isole Eolie, Christian Del Bono -. Da una parte si priva l’arcipelago dall’importante bacino di utenza rappresentato dalla Sicilia occidentale e
dall’aeroporto di Palermo. Dall’altra si penalizzano i collegamenti con la città metropolitana di Messina. Qui le corse saranno ridotte da cinque a tre ma con l’isola di Stromboli, particolarmente svantaggiata perché passa dalla possibilità di essere raggiunta da Messina con 4 corse (2 con cambio) a una sola molto scomoda che prevede ben cinque ore di navigazione e zero corse la domenica”. Visto che gli effetti del nuovo bando (dove si è riconosciuta l’esigenza di prevedere un’estensione dell’alta stagione al 30 settembre e una media stagione al 31 ottobre) non sono ancora in atto, come ogni anno le amministrazioni locali si trovano costrette a dover richiedere un’estensione dell’orario estivo (in scadenza per tutte le corse il 15 settembre) o parte di questo.

LEGGI ANCHE: Enel X e Grimaldi insieme per la sostenibilità delle navi in porto

“Chiediamo all’assessore Falcone – conclude Del Bono – di attivarsi per concedere una proroga dell’orario estivo sino ad almeno il 30 settembre per evitare di penalizzare i flussi di italiani e stranieri che hanno ripreso sensibilmente a visitare le isole minori, anche oltre i due mesi centrali di luglio e agosto”. L’obiettivo della richiesta non è soltanto quello di tutelare il turismo, ma anche di ampliare i contatti con le isole che rappresentano una delle mete più ambite nella stagione estiva.