Technology battery high power electric energy, Battery to electric cars and mobile devices with clean electric, Green renewable energy battery storage future, Technology digital abstract background

La ExxonMobil continua a muoversi nel settore del litio, nonostante i pionieri del settore sembrano starsi prendendo una pausa.

Il settore del litio era il posto giusto due anni fa, con prezzi così alti che i produttori potevano trasformare una piccola quota del mercato in stipendi affidabili. Ora non più. Il metallo prezioso è utilizzato principalmente per produrre batterie che alimentano smartphone, computer portatili e auto elettriche, tutti prodotti che sono caduti in disuso ora che la gente ha difficoltà a permettersi anche i beni di prima necessità. Il prezzo del metallo è sceso di circa l’80% negli ultimi due anni, costringendo anche i principali produttori a mettere in pausa progetti costosi e ad avvertire della compromissione dei profitti. Tuttavia, la Exxon ha un’autostima stellare. Il colosso del petrolio e del gas ha ancora in programma di avviare il suo primo progetto di litio entro il 2027, prevedendo di diventare uno dei dieci maggiori produttori di litio al mondo entro il 2030.

I produttori di litio sono stati costretti a sovvenzionare il loro lavoro con il proprio portafoglio, quindi hanno bloccato il maggior numero possibile di progetti. Il fatto è che i progetti di litio sono a combustione lenta: i produttori impiegano anni per renderli idonei a funzionare. La Exxon, quindi, potrebbe essere in vantaggio. Spendendo i soldi che ricava dal petrolio e dal gas per costruire i siti di produzione ora, la Exxon dovrebbe essere pronta a fare il botto mentre il resto dell’industria sta solo scaldando le macchine.

L’aumento dei tassi di interesse ha reso molto più costoso per le compagnie petrolifere più piccole prendere in prestito denaro e tenere il passo con quelle più ricche e affermate. Per questo motivo, stanno trovando il potere nei numeri attraverso una serie di fusioni. La Exxon ha approfittato di questa opportunità, facendo incetta di piccole aziende. Ma anche le compagnie petrolifere più grandi potrebbero rischiare l’estinzione se non riusciranno a tenere il passo con la transizione energetica verde – e il litio non è un brutto punto di partenza.