esposizione prezzi carburanti

Dal prossimi 1 agosto entrerà in vigore la norma che vincola i gestori di pompe di benzina a esporre i prezzi dei carburanti. Le disposizioni in particolare riguardano l’esposizione dei cartelloni nei distributori. Sono stati forniti anche dei chiarimenti riguardo alla trasmissione dei dati dall’esercente al Ministero e su tempistiche e modalità di comunicazione dei prezzi al portale Osservaprezzi Carburanti.
I dati aggregati (nazionali per i distributori su autostrade e regionali per gli altri) verranno resi disponibili online, in formato aperto, ogni mattina in una sezione dedicata del sito MIMIT. Ai distributori è lasciata una certa libertà di posizionamento nei limiti del codice della strada.

LEGGI ANCHE: Prezzi carburanti via a istruttorie e ispezioni alle compagnie

Come si devono comportare i gestori di pompe di benzina nell’esposizione dei prezzi dei carburanti

Chi ha in gestione un distributore deve comunicare aumenti e diminuzioni, del prezzo praticato rispetto all’ultimo prezzo comunicato con frequenza settimanale, anche in assenza di variazioni di prezzo entro l’ottavo giorno dall’ultima comunicazione inviata. L’obbligo vale sia per il self service che per il servito. Chi vende i carburanti per i camion, anche in autostrada deve esporre con adeguata evidenza un cartellone riportante i
rispettivi prezzi medi relativi alle tipologie di carburanti disponibili nel proprio punto vendita, assicurandone l’aggiornamento con frequenza giornaliera. Vanno esposti entro le 10:30 se l’orario di apertura è precedente o contestuale alle ore 8:30. Qualora l’orario di apertura sia successivo alle ore 8:30, gli esercenti espongono i prezzi medi entro le due ore successive all’apertura. In caso di apertura 24 ore su 24 gli esercenti espongono i prezzi medi entro le ore 10.30.

Come e dove va messo il cartellone

Il cartellone riportante i prezzi medi deve essere esposto all’interno dell’area di rifornimento, nel rispetto delle condizioni di sicurezza, in modo da garantirne adeguata visibilità. Il cartellone reca apposita indicazione che i valori in esso presenti sono riferiti ai prezzi medi; la dimensione dei caratteri usati è determinata in modo da garantirne la visibilità in condizioni di sicurezza assicurando una dimensione minima pari a 12 centimetri in altezza. I prezzi medi sono esposti dall’alto verso il basso: gasolio, benzina, GPL, metano. Devono essere esposti in euro per il litro o in euro per chilogrammo per il
metano, indicando, con pari dimensione, le cifre decimali fino alla terza.