Elon Musc
Elon Musk

Lo scherzo di Elon Musk è costato caro alla società calcistica Manchester United. Il boss di Tesla e SpaceX aveva annunciato su Twitter l’imminente acquisto del Gruppo inglese, conquistando subito oltre 500mila reazioni: like e commenti. Poco dopo ha smentito: si trattava dell’ennesima burla.

Lo scherzo di Elon Musk

L’azione del club martedì 16 agosto aveva chiuso stabile a 12,78 dollari (+0,08%). Dopo la boutade del miliardario, il titolo ha perso il 2,11%. ‘ManU’ (Manchester United) è quotata da 10 anni alla Borsa di New York, con una capitalizzazione di mercato di 2,08 miliardi di dollari.

Solo in queste ore sta recuperando un po’ terreno dopo lo sgambetto in contropiede di ON Musk. Senza contare che nel Manchester nessuno detiene una quota di maggioranza. La società è controllata dai sei figli dell’uomo d’affari americano Malcolm Glazer, che ha rilevato il club nel 2005, e sta attraversando una grave crisi di risultati.

 

Il patrimonio del Manchester United

Il Manchester United nasce nel 1878 sotto il nome di Newton Heath Football Club. Nel 1889 la squadra entra a far parte della federazione calcistica Football Alliance. Nel 1890 viene ammessa alla First Division, ottenendo i primi successi tra il 1908 e il 1911 che la condurranno verso un nuovo stadio: il leggendario Old Trafford. La squadra assumerà il nome di Manchester United nel 1902, iniziando ad affermarsi non solo nella lega inglese. Diventerà la prima squadra a partecipare ad una competizione europea: la Coppia dei Campioni durante la stagione 1956/57.

Nel tempo i Red Devils hanno conquistato la fiducia dei tifosi raggiungendo una capitalizzazione di 2,965 miliardi e diventando una delle più importanti società calcistiche quotate in Borsa.

Nel 2019, prima della pandemia, i rossobianchi avevano raggiunto un utile netto dell’esercizio di oltre 173 milioni di euro, con un aumento di 27 milioni rispetto all’anno precedente. L’esercizio 2011/12, dieci anni fa, era invece in negativo.

 

I pericoli dei social network

Il Gruppo Manchester United ci ha messo tanta fatica per recuperare campo. E come in una partita di calcio, è bastato lo scherzo di un ricco burlone, che gioca su Twitter come Chaplin palleggiava col mondo ne Il grande dittatore, per bruciare qualche miliardo in meno di 24 ore, mettendo a rischio posti di lavoro. Questo per dire quanto sensibili siano i mercati rispetto agli umori e anche al ventre molle dei social. E quanto vulnerabili siano i social network rispetto al controllo delle fake news e alle bufale in circolazione.

LEGGI ANCHE: MUSK MOLLA TWITTER, L’ENNESIMA GIRAVOLTA DI UN FALSO MITO