Quantcast

FINANZIARE L'IMPRESA

Dal trading quantistico alla banca del futuro

Dopo aver siglato l'accordo con Fujitsu per il Digital Annealer, la Cfx di Marco Mottana è pronta a sbarcare in Italia per offrire servizi nel mondo delle valute digitali e della finanza decentralizzata

13 Novembre 2021

Giovanni Bellucci
Dal trading quantistico alla banca del futuro

Un progetto di respiro europeo, che abbia anche un cuore e un piede nel nostro Paese: Dopo aver fondato CFX Quantum a Londra, Marco Mottana (nella foto) è diventato sempre più attivo anche in Italia. L’idea di base è la creazione di una “neo bank”, un nuovo modello di banca che si affida completamente al digitale e all’utilizzo delle applicazioni più avanzate della tecnologia. Il nome è già stato deciso: 01 Quantum. A partire dal maggio scorso è in vigore un accordo con Mastercard per integrarsi con un circuito riconosciuto in tutto il mondo e a breve è previsto il lancio operativo. E mentre andiamo in stampa circolano insistentemente le voci sull’acquisto di una società finanziaria in Svizzera, proprio con l’obiettivo di aprire una succursale in Italia.

«La banca del futuro, che costruisce valore aggiunto invece che presenza territoriale», la definisce Mottana. 


In che senso?

È la banca del futuro perché apre i suoi servizi solo su web e tramite app su smartphone. Una banca digitale che possa offrire ai propri utenti un’esperienza più semplice e intuitiva rispetto agli istituti tradizionali, e premia la loro fedeltà.


Lei quindi crede che il mondo della finanza stia davvero cambiando.

“Cambiando” è una parola che sminuisce la vera e propria rivoluzione che è in corso ormai da diversi anni per gli addetti ai lavori e che adesso sta arrivando al grande pubblico. Ci sono due definizioni da capire: “economia sociale” e “decentralizzazione”, ovvero i due spauracchi del vecchio sistema. La prima dà più potere agli investitori nelle loro scelte ed è figlia della economia digitale che ha consentito a tutti, o quasi, di avere informazioni più trasparenti. La seconda è la possibilità del singolo di detenere direttamente il proprio patrimonio e scambiarlo con altri senza passare da una sequela di intermediari.

Ma è una vera rivoluzione o solo una speranza?

Ci sono centinaia di miliardi di dollari investiti nel mondo delle valute digitali e della finanza decentralizzata. A investire sono stati, inizialmente, gli investitori più lungimiranti e poi i più grandi, i gruppi di dimensione mondiale; oggi sono gli stessi governi che si stanno preparando. Si discute animatamente su di una legislazione europea già per marzo 2022, quindi non sono sogni ma ormai una realtà conclamata. Speriamo che le leggi possano contribuire a maggior chiarezza. Il pubblico intanto sta capendo e si sta impegnando sempre di più nel sostenere questi progetti come cliente o investitore, io conto che nell’arco di cinque anni milioni di persone avranno un portafoglio decentralizzato assieme a quelli tradizionali.


È un mondo rischioso...

Il rischio non si può eliminare, però si può gestire. Ed è qui che Cfx ha messo a punto una serie di strategie per trasformare il rischio in opportunità: il mio credo personale è sempre stato opposto alla classica frase “per guadagnare di più devi rischiare di più”. Una credenza che ha permesso a grandi istituzioni di avere profitti enormi e tenere le masse di clienti con rendimenti bassissimi… Se sai gestire il rischio il rendimento può crescere di molto rispetto a quello che ci viene proposto come “sicuro”.


E Cfx come ci riesce?

Gli elementi chiave per realizzare questo obiettivo sono due: una tecnologia estremamente innovativa combinata con una pratica finanziaria tradizionale, applicata però in maniera evoluta. Per la tecnologia Cfx ha concluso un accordo di collaborazione e ricerca con Fujitsu. Loro contribuiscono con il chip denominato Digital Annealer, un microcircuito altamente innovativo basato su tecnologie di ispirazione quantistica, che analizza miliardi di dati a velocità impossibili per qualsiasi altro processore. I matematici di Fujitsu collaborano con il nostro team tecnico per mettere a punto le formule. Questa supervelocità consente di valutare ed eseguire operazioni in frazioni infinitesimali di secondo e, specialmente nel settore finanziario, concede notevoli vantaggi ai suoi utilizzatori. La pratica finanziaria evoluta concerne, invece, le metodologie e le formule che consentono di applicare la tecnologia ad arbitraggi e a portafogli che vengono ricalcolati su migliaia di strumenti con tempi prima impensabili. Gli arbitraggi cercano differenze di valore di cambio tra due valute su mercati diversi, ottenendo un margine sicuro che, seppure di misura minima, viene realizzato centinaia di volte al giorno. Un’attività quasi impossibile per la maggior parte degli investitori.


Quindi la “neo bank”?

01Quantum è un servizio che consente di gestire con facilità i propri flussi finanziari, con software a livello internazionale e con spese molto contenute. Costruito con un intuitivo software basato su blockchain. È il primo ponte per poi comprendere il senso della nuova finanza. Vorrei precisare che "neo bank" non significa che abbiamo una banca, anche se dietro le banche ci sono sempre.


Dove operate?

Per il momento nelle cryptovalute, un settore che riteniamo abbia un grande futuro in quanto rappresenta il massimo della compartecipazione e decentralizzazione. Grazie alle licenze ed alleanze che stiamo costruendo entreremo anche in mercati più tradizionali, che sono quelli nei quali ho accumulato la mia esperienza, dove ho imparato a gestire il rischio.

La supervelocità del digital annealer consente di valutare ed eseguire operazioni in frazioni infinitesimali di secondo


E poi c'è un sogno nel cassetto...

Sì, potrebbe sembrare un’utopia, ma vorremmo rendere più “giusto” il mondo finanziario, mettere a disposizione il nostro lavoro per consentire a tanti di condividerne i risultati. Cfx nasce con una dimensione solidale da cui ha preso origine l’idea del Fondo Sociale di Crescita Universale, ovvero Social Universal Raise Fund, che lanceremo con il suo acronimo Surf non appena ottenute le autorizzazioni. Il progetto riguarda la creazione di un vero e proprio fondo, aperto a tutti gli investitori. La sua particolarità sarà che una porzione dei risultati consentirà di accantonare parte del rendimento e regalare una quota di investimento alle persone meno abbienti, quindi una rendita continua, in abbinamento con le più importanti associazioni di sviluppo territoriale operanti nelle aree sottosviluppate. Una situazione, insomma, in cui tutti aiutano tutti: non solo profitti ma soddisfazioni vere, quelle che ti fanno stare meglio e ti danno la spinta per migliorare costantemente.

APPUNTAMENTI A ROMA IL 1 DICEMBRE

“La Trasformazione Digitale per un’Economia Sostenibile" è il titolo del convegno che si terrà a Roma il primo dicembre, in presenza, presso l’Università Unimarconi in via Vittoria Colonna 11. I lavori saranno articolati in tre sessioni durante le quali si discuterà dell’evoluzione della finanza nel contesto della trasformazione digitale, della sostenibilità della finanza e dell’economia nel mercato attuale e, infine, del ruolo delle istituzioni per la sostenibilità dell’economia digitale. 

Ai lavori parteciperà Marco Mottana, l’esperto analista finanziario fondatore di Cfx, il quale parlerà di Finanza Decentralizzata (o De.Fi.), il sistema finanziario che garantisce gli investimenti attraverso smart contract registrati sulla blockchain. Illustrando, poi, le iniziative della sua società, Mottana presenterà l’alleanza con la soluzione innovativa di “neo-bank” ‘01Quantum.

E approfitterà per parlare della sua ultima visione: «Un’altra idea innovativa», annuncia, «che abbatterà nuove barriere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400