Quantcast

TALENTI DELLO SVILUPPO

Immobiliare? l’appetito vien comprando

Le grandi città hanno sganciato i vagoni, è il momento di investire. Ma come e dove farlo al meglio, cogliendo le nuove opportunità post-pandemia? Ne abbiamo parlato con Fabiano Testa, un grande esperto del settore

Vittorio Petrone
Immobiliare? l’appetito vien comprando

Fabiano Testa, ceo international home

Nonostante la crisi sanitaria legata al Covid-19 sia ancora in corso, il mercato immobiliare manifesta i primi segnali di ripresa. Lo si nota soprattutto nelle compravendite, dove le principali capitali europee registrano crescite importanti e si stanno avviando verso la ripresa, con i prezzi che iniziano a stabilizzarsi sui valori pre-Covid.

In Italia a trainare il settore ci sono le grandi città, in primis Milano, che ha mostrato una particolare resilienza durante la pandemia ed è tuttora in forte crescita: una prova di forza importante visto che questa crisi ha colpito soprattutto le grandi metropoli. Ormai Milano ha “sganciato i vagoni” delle altre città italiane e compete da sola nelle corse delle grandi città europee ed internazionali, guadagnando continuamente posti.

«Oggi le grandi capitali europee offrono buone opportunità d’investimento», spiega Fabiano Testa, ceo di International Home ed esperto di investimenti immobiliari da e per l’estero. «Questo grazie a caratteristiche che le rendono appetibili agli occhi degli investitori, come la liquidità del mercato, la capacità di attrarre milioni di turisti, studenti e uomini d’affari, o per le grandi opere ed eventi. Pensiamo ad esempio a Parigi, dove nel 2024 si terranno i prossimi Giochi Olimpici estivi, oppure a Berlino, che secondo PwC è la migliore metropoli dove fare investimenti immobiliari nel 2021. Si tratta di grandi poli attrattivi, dove oggi gli investimenti immobiliari rendono molto di più di un qualsiasi investimento bancario».

Anche l’Italia ha dimostrato di avere grandi potenzialità, non solo dal punto di vista delle città, dove è probabile che inizi un ciclo di crescita per transazioni e volumi, ma anche per altre opportunità che si stanno aprendo per gli investitori, sia italiani che stranieri. Il riferimento, in questo caso, è agli Npl, ovvero i crediti deteriorati disponibili sul mercato, sui quali si rivolgono gli appetiti delle società immobiliari che possono così acquistare immobili sul mercato con un investimento del 20-30% in meno rispetto al loro valore reale.

«Si tratta di strumenti complessi ma assai vantaggiosi», prosegue Fabiano Testa. «Gli investimenti immobiliari internazionali, così come gli Npl, si possono trovare in diversi territori e richiedono conoscenze profonde, che spesso gli imprenditori immobiliari non possiedono. Molto spesso, infatti, i nostri clienti ci consultano soprattutto per la nostra esperienza multisettore, che ci permette di offrire un servizio completo dalla A alla Z, negli investimenti immobiliari, operando sui mercati con una rete di partner sia in Italia che all’estero, con un approccio global but local, che fa leva sul supporto e sulle competenze locali sui vari territori. Se c’è una cosa che abbiamo imparato dal Covid, è che gli eventi imprevedibili possono capitare. Ma laddove c’è una crisi ci sono anche opportunità da cogliere. Ce lo insegna la storia. Pensiamo, ad esempio, alla risalita del mercato immobiliare in Florida, dopo la crisi del 2008, oppure alle grandi opportunità di città come Parigi o Berlino negli ultimi vent’anni. Sono tutti elementi che ci indicano che oggi ha senso investire non tanto nel luogo che ci piace o in cui si risiede, ma dove ha più senso farlo, perché diversificare i propri investimenti è la strada più giusta, solo così ci si protegge dalle minacce. Quando poi un mercato perde la sua attrattività ci si sposta dove invece ne stanno nascendo di nuove. Questo ci consente di essere meno vulnerabili verso possibili imprevisti ed avere la garanzia di mettere a frutto un investimento redditizio».

Con il Covid molte persone hanno incrementato i loro risparmi e chi si trova in questa condizione e vuol far fruttare il più possibile ciò che ha accumulato, può dunque investire nel mercato immobiliare, che, dati alla mano, offre opportunità ben più vantaggiose e stabili rispetto agli investimenti bancari. «Tutto questo - conclude però Testa - solo se si è disposti a diversificare e mantenere orecchie ed occhi aperti».


www.international-home.net

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400