Quantcast

IDEE & BUSINESS

«Non tutto il male vien per nuocere»

E-commerce, smart working e strategie di business: Raffaello Pellegrini, amministratore delegato di NaturHouse, in piena pandemia ha dovuto riorganizzare completamente l’attività dei suoi 300 affiliati. Ecco come

Paola Belli
«Non tutto il male vien per nuocere»

«Fine Febbraio 2020 – racconta Raffaello Pellegrini, amministratore delegato di NaturHouse Italia - Aeroporto internazionale di Malta. In attesa del volo per Bologna mia moglie leggendo della strana epidemia di Wuhan va in farmacia e compra due mascherine; me ne porge una ed io, guardandola come se fosse matta, mi rifiuto di indossarla e comincio ad ironizzare sulla sua ipocondria latente».

A distanza di pochi mesi il nostro mondo è cambiato profondamente: «La mascherina non solo è entrata prepotentemente a far parte della nostra vita quotidiana, ma una mera dimenticanza si trasforma nell’impossibilità di accedere ad un qualsiasi luogo pubblico o in alcuni casi in una multa molto salata. Ma non tutto il male vien per nuocere. Personalmente essere obbligato a gestire la crisi pandemica, tanto inaspettata quanto commercialmente devastante, a capo di un’azienda con più di 400 punti vendita e totalmente offline fino allo scoccare del primo lockdown, mi ha fatto non solo uscire da una sorta di comfort zone generata dall’ottimo andamento dei fatturati, ma ha prodotto scariche di adrenalina professionale talmente potenti da sorreggermi nelle settimane di superlavoro necessarie ad organizzare un e-commerce, a ottimizzare lo smart working di 150 persone, a tagliare i costi ove possibile e a capire come garantire non solo la sopravvivenza di una rete retail a negozi chiusi, ma anche e soprattutto come assicurare un futuro professionale a 300 affiliati».

Un anno dopo NaturHouse Italia non solo ha praticamente raddoppiato l’Ebitda, ma ha ancora tutti i suoi affiliati e continua ad accoglierne di nuovi, «a testimonianza di un business format che ha dimostrato di essere a prova di crisi e che, anche grazie al forzoso ritrovato interesse degli italiani sia per le tradizioni culinarie casalinghe che per la necessità di prendersi cura di se stessi per aumentare le difese immunitarie, garantisce in questo particolare momento storico un’appetibilità più forte che mai per il servizio di “weight management” che eroga professionalmente da tre decadi con grande soddisfazione di tutti i suoi clienti».

Nata infatti in Spagna nel 1992 grazie ad una geniale intuizione del suo fondatore Felix Revuelta, oggi NaturHouse è una multinazionale quotata alla borsa di Madrid con oltre 2400 Punti Vendita distribuiti in 35 paesi e 6,5 milioni di clienti soddisfatti che, grazie all’innovativo metodo NaturHouse, hanno imparato a mangiare in maniera congrua rispetto al proprio stile di vita, eliminando il sovrappeso e raggiungendo il proprio PesoBenessere®.

L’inizio della produzione dei complementi dietetici naturali risale al 1986, mentre nel 1992 viene aperto il primo monomarca NaturHouse a Vitoria, una piccola città nel nord della Spagna; dopo cinque anni di fine tuning con altre quattro aperture sul suolo iberico, nel 1996 incomincia sia lo sviluppo in franchising che l’espansione internazionale con l’apertura del primo negozio in Portogallo.

Lo sviluppo della rete Italiana, interamente frutto del lavoro di Raffaello Pellegrini fin dal primo punto vendita di Bologna, parte da maggio del 2005, e ad oggi conta una rete di oltre 400 punti vendita monomarca, il 96% dei quali in franchising, distribuiti su tutta la penisola, che ad oggi hanno in data base quasi 1,5 milioni di clienti fidelizzati.

NaturHouse offre ai suoi clienti una linea esclusiva di prodotti totalmente naturali che, combinati con un percorso di educazione alimentare, consentono di eliminare il sovrappeso in maniera semplice, naturale e definitiva.

Il “Metodo NaturHouse” si può infatti definire efficace, con oltre 9 milioni di kg di sovrappeso eliminati in 15 anni in Italia e 1,5 milioni di italiani pronti a testimoniarlo, naturale, dato che è basato sul miglioramento delle abitudini alimentari complementate da prodotti di erboristeria, ma anche semplice perché in tutti i punti vendita NaturHouse si applica un format preciso, che grazie alla consulenza settimanale consente di dare ai clienti un supporto motivazionale fondamentale e di guidarli nel loro percorso di educazione alimentare, insegnando loro i principi di una sana e corretta alimentazione. Inoltre, tutti i consulenti alimentari NaturHouse sono professionisti del benessere laureati ed esperti in alimentazione, che illustrano, sempre gratuitamente, presso i punti vendita, le proprietà dei nostri prodotti e le loro modalità d’impiego nel contesto di migliorate abitudini alimentari.

Dulcis in fundo, entrare nel mondo NaturHouse risulta anche economico, sia a livello di investimento per gli affiliati che di costo del servizio per il cliente: l’investimento iniziale per l’apertura di un negozio parte infatti da appena 10 mila euro, e si può recuperare nei primi sei mesi di attività grazie ad un break-even point talmente basso che di norma si raggiunge già entro poche settimane dall’apertura. E dato che la consulenza nutrizionale viene sempre erogata gratuitamente, i clienti pagano unicamente il costo dei prodotti, facendo percepire il servizio nel suo complesso come estremamente concorrenziale rendendo il servizio nel suo insieme realmente alla portata di tutte le tasche.

I punti forti del progetto di affiliazione sono sicuramente la formazione ed il supporto che viene garantito agli affiliati dalla rete commerciale NaturHouse: la formazione è sempre gratuita e tutto il personale viene formato prima presso la sede di Ferrara e poi presso i negozi diretti con due settimane di training on the job garantendo un trasferimento di know-how completo ed efficace, mentre l’assistenza, completa ed integrata per l’apertura del punto vendita, parte dall’identificazione della location idonea, per arrivare alla selezione del personale ed estrinsecarsi per tutta la durata del contratto di affiliazione attraverso una consulenza commerciale continuativa focalizzata ad ottimizzare la performance del punto vendita.

I prodotti a marchio NaturHouse, che vengono venduti esclusivamente nei negozi della rete e sul nuovissimo e-commerce aziendale www.naturhouse.it, si possono suddividere in tre macro categorie: integratori alimentari (prodotti a base di estratti naturali per facilitare l’assunzione di determinati nutrienti, che consentono azioni specifiche durante il processo di perdita di peso); alimenti funzionali (costituiti da prodotti dietetici per colazione, spuntini o sostituti dei pasti, che consentono di tenere sotto controllo l’apporto calorico); cosmetici e cura del corpo (prodotti di bellezza associati alla cura della pelle nel processo di diradamento e anti-invecchiamento).

«E se il settore dei complementi faceva già registrare tassi di crescita importanti anche pre-Covid – chiude Pellegrini - oggi la domanda sta letteralmente esplodendo, e possiamo sicuramente affermare senza tema di smentita sia di essere sempre più leader incontrastati di una nicchia di mercato creata da noi stessi, sia di aver fornito negli ultimi 15 anni un fondamentale contributo alla diffusione di quella “cultura del complemento” praticamente inesistente in Italia nel 2005 e che oggi vale oltre tre miliardi di euro all’anno. Quello di NaturHouse è oggi un mercato con una domanda sempre crescente, grazie ad una sensibilità sempre più diffusa nei confronti della salute e specialmente dell’alimentazione che influisce in modo decisivo sulla qualità della vita e sullo stato di salute di ciascuna persona, che si tutela soprattutto a tavola, imparando le regole fondamentali del mangiare sano: curare la propria alimentazione aiuta non solo a migliorare problematiche come il sovrappeso e l’obesità, ma anche a fortificare il sistema immunitario, fattore che purtroppo tutti negli ultimi mesi abbiamo imparato a non sottovalutare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400