Quantcast

STORY LEARNING

Dietro allo scontrino c’è un business milionario

Dagli scontrini alle carte d’imbarco, partendo dai lettori di codici a barre e arrivando agli smart locker: un business che per Custom Group vale 225 milioni di euro l’anno. Che ora si rafforza grazie all’home delivery

Marco Scotti
Dietro allo scontrino c’è un business milionario

Forse non tutti sanno di aver utilizzato almeno una volta nella vita un prodotto di Custom Group. Azienda con una storia quasi trentennale, è famosa per la realizzazione di meccanismi di stampa e di scansione: stiamo parlando di oggetti come gli scontrini dei parcheggi, le ricevute dei bancomat, i referti dei macchinari medicali, l’analisi dei tubi di scappamento delle vecchie automobili e le carte d’imbarco che vengono consegnate ai passeggeri una volta in aeroporto. L’azienda fattura 225 milioni con 680 dipendenti, occupati nei cinque impianti produttivi: Italia, Cina, India, Romania e Brasile.

«Siamo cresciuti molto – ci spiega Giulio Berzuini (nella foto), Chief Sales e Customer dell’azienda – e siamo leader indiscussi nel settore della stampa per aviation. Negli ultimi dieci anni abbiamo raggiunto traguardi importanti: siamo presenti in 400 aeroporti, tra cui il più premiato al mondo, quello di Singapore in cui abbiamo installato oltre 2.000 stampanti. Si tratta di una tecnologia molto robusta, che abbiamo mutuato dal mondo ferroviario per la produzione di biglietti, che impieghiamo dall’Africa alla Russia, capace di sopportare temperature rigide o torride senza dare problemi. Ma ovviamente la pandemia ha cambiato di molto le nostre produzioni e le richieste che ci vengono rivolte. E siamo riusciti a rispondere in maniera efficace. Ad esempio: la lotteria degli scontrini ha riportato la centralità del negozio fisico rispetto all’e-commerce, ma dal nostro punto di vista si tratta di un’eccezionale nicchia di mercato in cui infilarci per stampare questo nuovo tipo di ricevute per partecipare all’estrazione finale».

La parola d’ordine di Custom Group sta diventando sempre di più “tecnologia”, declinata lungo diversi filoni. È tecnologia riuscire a raccogliere i dati in maniera intelligente ma anche saperlo leggere in maniera corretta, altrimenti si tratta di un mero accumulo senza costrutto. E in questo l’azienda è presente con delle soluzioni hardware e software sviluppate per la lettura del codice a barre e la sua “traduzione” in informazioni utili per gli esercenti. Non solo: ancora una volta con la “complicità” della pandemia Custom Group ha iniziato a scommettere sulle tecnologie per il self-service, come ad esempio i locker (armadietti con codice di sblocco in possesso dell’utente finale) in cui vengono messi prodotti di diverso tipo, da quelli acquistati sui principali marketplace fino alla spesa e al food delivery. Questo tipo di richiesta ha avuto un vero e proprio boom: +700% da marzo dello scorso anno.

«La crescita esponenziale della consegna a domicilio – prosegue Berzuini – è stata affiancata da un altro trend, quello del cosiddetto click&collect, ovvero ordine in rete e ritiro presso un punto vendita o, appunto, un locker. Nel secondo caso la richiesta è di prodotti standard, che soddisfano le necessità di varie tipologie di retailer. L’home delivery non è solo comodo, ha anche dei punti deboli: ad esempio perché può succedere che il cibo arrivi freddo, o non arrivi proprio o che sia sbagliato. E poi sempre più spesso leggiamo di consegne che non vengono saldate con rischi considerevoli per la cassa dei ristoranti e degli esercenti. Con il locker, invece, non c’è rischio per il retailer, il pagamento avviene prima e soprattutto si possono evitare i disservizi per il cliente». Il futuro rimane roseo. Intanto, perché le soluzioni relative ai locker stanno prendendo piede anche nel mondo farmaceutico. Questo grazie al traino dei millennial che hanno iniziato a comprare online i prodotti da banco per poi ritirarlo direttamente in farmacia, saltando la coda. «E poi – conclude Berzuini – se ci saranno delle possibilità dal punto di vista m&a saremo attenti a coglierle. L’azienda è sana dal punto di vista finanziario».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400