Quantcast

Sostenibilità, Icf adotta
i principi Esg anche negli imballi

Le soluzioni sviluppate rispondono alla dimensione “Environmental” della strategia ESG e permettono anche di raggiungere elevati livelli di ottimizzazione ed efficienza sia in termini di logistica e trasposto (importante riduzione degli spazi e movimenti) che di processi produttivi (contenimento dei consumi energetici e degli scarti).

Sergio Luciano
Sostenibilità, Icf adottai principi Esg anche negli imballi

Industrie Chimiche Forestali S.p.A. – società tra gli operatori di riferimento a livello nazionale e internazionale nella progettazione, produzione e commercializzazione di adesivi e tessuti ad alto contenuto tecnologico, quotata sul mercato AIM Italia, organizzato e gestito da Borsa Italiana – esprime il proprio commitment in tema di sostenibilità anche nello sviluppo di soluzioni innovative per il packaging dei propri prodotti al fine di minimizzare l’impatto ambientale per tutto il ciclo di vita dell’imballaggio. Circa il 75% dei prodotti realizzati da ICF sono adesivi di cui la metà a base di solventi e sottoposti alla norma del trasporto ADR che impone specifici standard di imballo omologati.

Le soluzioni sviluppate rispondono alla dimensione “Environmental” della strategia ESG e permettono anche di raggiungere elevati livelli di ottimizzazione ed efficienza sia in termini di logistica e trasposto (importante riduzione degli spazi e movimenti) che di processi produttivi (contenimento dei consumi energetici e degli scarti).

Nello specifico, e nel rispetto delle linee guida Conai (Consorzio nazionale imballaggi), ICF ha adottato un sistema a doppio imballo che garantisce il pieno recupero dell’elemento esterno (fusto da 5 kg di ferro) conferendo solo quello interno allo smaltimento (100 gr di politene). Il fusto esterno può essere utilizzato fino a 7-8 volte garantendo così un risparmio di 40 kg di ferro sul singolo contenitore. Lo stesso principio, ma per quantitativi di prodotto più contenuti e per gli adesivi a base acqua, sfrutta in alternativa al ferro un elemento esterno di cartone riciclato ( Bag in Box ). Inoltre ICF ha introdotto un nuovo formato costituito da imballi rigenerati e omologati per il trasporto degli adesivi al solvente rispondendo così sia al principio di riutilizzo che di riciclo.

In particolare tra le soluzioni innovative il Container Revolution ha ottenuto la concessione di Brevetto. Il sistema è costituito da un imballo tri laminato in pvc corredato da un sacco interno in politene della capacità di 50 o 100 litri che consente il caricamento e l’utilizzo dell’adesivo tramite valvola e aria compressa a bassa pressione. Il sistema permette di ottimizzare l’utilizzo, ridurre drasticamente il volume del contenitore a fine utilizzo riducendo i costi di trasporto e minimizzare i rischi di contaminazione consentendo riutilizzo dello stesso.

Guido Cami, President & CEO di Industrie Chimiche Forestali SpA ha dichiarato: “Il nostro commitment sulla sostenibilità non si esprime solo nel processo produttivo interno, ma nell’intero ciclo della supply chain. In ICF abbiamo sposato un concetto ampio di economia circolare ed è perciò che abbiamo dedicato energie e risorse per lo sviluppo di soluzioni innovative nel packaging dei prodotti. Ci siamo posti l’obiettivo di aumentare il quantitativo di materiali riciclati o riutilizzati sia nei prodotti che negli imballi. Per il packaging l’elemento innovativo che abbiamo introdotto è stato riconosciuto anche con la concessione di un brevetto per il Container Revolution. Continuiamo ad intraprendere nuove azioni che unitamente al rispetto dell’ambientale consentiranno di raggiungere importanti livelli di ottimizzazione ed efficienza per perseguire la creazione di valore economico condiviso.”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400