APPROFONDIMENTI

La startupper porta il sud
oltre la “valle della morte”

Con la sua Materitas, Caterina Meglio crea nuove imprese facendo leva sulla ricchezza della ricerca scientifica delle nostre università

Alfonso Ruffo
La startupper porta il sudoltre la “valle della morte”

CATERINA MEGLIO

È conosciuta più all’estero che in Italia, ma anche da noi si sta facendo velocemente largo tra le donne manager più interessanti nel campo della ricerca e dell’innovazione. Tanto che quest’anno ha vinto l’antico e prestigioso premio del Sele d’Oro per “l’impegno volto a sostenere e accompagnare nuove idee imprenditoriali di start up nel Mezzogiorno e a svilupparle in una dimensione stabile e duratura. Classe 1964, originaria di Benevento, Caterina Meglio è cofondatrice e ceo di Materias che, come recita la presentazione svolta sul sito, “ha l’obiettivo di creare nuove imprese supportando lo sviluppo di soluzioni innovative nel settore dei materiali avanzati accelerandone il loro ingresso nel mercato di riferimento. In una frase: Aiutiamo le idee e diventare realtà”.

Avvalendosi della guida esperta di Luigi Nicolais, ex ministro e già presidente del Cnr, oltre che della collaborazione di un selezionato gruppo di giovani ricercatori, la creatura della Meglio si pone strategicamente lungo la linea conosciuta come Valle della Morte: lungo quel crinale, cioè, dove le iniziative imprenditoriali più visionarie e promettenti rischiano di deperire. Facendo leva sulla qualità e sulla ricchezza della ricerca scientifica nascosta nelle pieghe delle nostre università, la formula adottata sta avendo un grande successo tanto che sono molti gli investitori, anche internazionali, che si affacciano alla porta e gruppi dinamici come il farmaceutico Dompé hanno già acquistato quote della compagnia che si va progressivamente consolidando.

D’altra parte, il curriculum di Caterina è molto fitto e va dall’impegno nell’Istituto delle Tecnologie applicate ai Beni culturali a quello nel Distretto ad Alta tecnologia per l’edilizia sostenibile passando per la collaborazione con la Deloitte nel gruppo di lavoro Rete Global Network e l’incarico di delegato nazionale presso la Camera di commercio italiana in Canada. È stata consigliere del ministro dell’Università e nel corso degli anni ha partecipato a numerosi progetti di ricerca. A conferma della sua natura eclettica, Caterina Meglio vanta esperienze anche nel campo della politica (è stata consigliere comunale e assessore alla Cultura di Cerreto Sannita) e della gestione di istituzioni come il Conservatorio di Benevento di cui è stata presidente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400