Quantcast

Il cioccolato italiano conquista l'estremo oriente

Berlino, Shanghai, Tokyo, con 4 nuove cioccogelaterie aperte in meno di un mese procede l’espansione internazionale della storica azienda piemontese Venchi, simbolo dell’eccellenza del cioccolato e del gelato italiano

Redazione Web
Il cioccolato italiano conquista l'estremo oriente

Berlino, Shanghai, Tokyo, 4 nuove boutique saranno aperte in meno di un mese nel centro di città di riferimento economico e culturale per i loro paesi: Venchi, che da 140 anni rappresenta il meglio dell’arte e della creatività cioccolatiere e gelatiere italiane, porta avanti così il suo piano di sviluppo internazionale che mira non solo a incrementare l’incidenza dell’export sul fatturato ma anche a consolidare la percezione di “brand icona” del lifestyle italiano nel mondo.

Il variopinto e profumato mondo delle cioccogelaterie di Venchi, si posiziona sempre in luoghi centralissimi, iconici, attrattivi per vitalità e stile e le ultime aperture ne sono conferma.

"In meno di un mese avremo aperto il primo negozio a Berlino, due store a Shanghai, che portano a 26 le nostre boutique in Cina, e uno a Tokyo che segna l’ingresso delle cioccogelaterie nel paese del Sol Levante - dice con orgoglio Daniele Ferrero AD di Venchi – e nei primi mesi del 2020 abbiamo già previste 5 nuove aperture in Cina e 2 in Giappone, oltre ad altri 3 negozi in Italia”.

A Berlino si trova all’interno dell’iconico department store del lusso KaDeWe, mentre a Shanghai colora il quartiere Xintiandi, l’elegante strada pedonale che ospita, all’interno di costruzioni tradizionali di inizio ‘900, prestigiose gallerie internazionali, boutique e ristoranti. Entrambi sono stati aperti negli ultimi giorni di novembre, rispettivamente il 28 e 29.

E ugualmente centrali sono le location del secondo punto vendita a Shanghai, che aprirà il 15 dicembre all’interno dell’International Trade Center nel cuore del “distretto del Design” della città e di quello di Tokyo, la cui apertura è prevista il 12 dicembre, nel quartiere di Ginza, che ospita tutti i flagship store dei brand italiani e del fashion più noti.

“L’esperienza del brand inizia entrando nelle nostre boutique monomarca – dice Daniele Ferrero AD di Venchi – ed è parte fondante della strategia della marca. Il nostro prodotto non è italiano solo per l’origine delle materie prime utilizzate – prosegue – è italiano perché regala l’emozione dell’Italia: della bellezza, dell’allegria, della convivialità e certamente dell’eccellenza qualitativa. Siamo oltre il "made in Italy", siamo all’ "experienced like in Italy".

Venchi nel 2019 realizzerà un fatturato di 100 milioni di euro, in crescita a doppia cifra su quello dell’anno precedente, investimenti pari al 20% dei ricavi prevalentemente concentrati sull’export che oggi rappresenta il 33% del fatturato, di cui il 10% realizzato in Cina, con una focalizzazione sul canale retail che pesa per il 66% dell’intero business.

350 ricette di cioccolato, 90 gusti di gelato, realizzati tutti con materie prime di primissima qualità, Venchi esporta un’esperienza di cioccolato unica, che non è solo degustazione ma è un “vissuto italiano del bello e del buono”.

Con una storia di 140 anni, iniziata a Castelletto Stura in provincia di Cuneo, oggi Venchi è un’azienda internazionale. Il suo brand è simbolo nel mondo dell’arte del cioccolato piemontese e del vivere italiano. “Verissimo, allegrissimo e buonissimo – autenticità, allegria ed equilibrio” sono i valori del brand che è presente con oltre 120 negozi, in 70 paesi in città chiave come Londra, Hong Kong, Dubai, New York, Shanghai e Tokyo.

Nougatine, Chocaviar, CubaRhum, Cremini sono i prodotti storici del brand, conosciuti e apprezzati nel mondo, ai quali nel 2006 si è aggiunto il gelato con la nascita delle Cioccogelaterie un concept unico e distintivo che contribuisce in maniera rilevante al successo del brand.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400