ecobonus

Alcuni di loro avevano perfino il reddito di cittadinanza: ma continuavano a truffare lo stato con crediti di imposta inesistenti sugli eco bonus. Una truffa da più di un miliardo di euro è stata individuata dagli uomini della Guardia di Finanza di Savona, che partendo dal capoluogo di provincia Ligure hanno identificato una rete che toccava tutta l’Italia. In modo particolare si erano concentrati sull’ecobonus e sul bonus facciate.  Erano riusciti a creare crediti d’imposta del tutto inesistenti,  ottenuti tramite l’utilizzo di false fatture per lavori da eseguire su immobili di proprietà di soggetti residenti nel territorio savonese. Dalla Liguria si erano mossi verso il resto dell’Italia, replicando la stessa truffa su scala nazionale, coinvolgendo anche delle vere e proprie società fantasma o evasori totali con volumi d’affari inconsistenti e senza nemmeno la proprietà di immobili. Tra questi c’erano perfino dei percettori di reddito di cittadinanza. Alcune società generatrici di crediti fittizi avevano acquistato a loro volta ulteriori crediti della specie, come nel caso di un soggetto che aveva acquistato crediti in qualità di persona fisica da una società da lui stesso rappresentata.

LEGGI ANCHE: Superbonus, Abi: “Così si ferma l’acquisto degli altri crediti”

 

Sono 311 i furbetti dell’ecobonus

In aggiunta, una parte dei soggetti coinvolti aveva già effettuato l’indebita compensazione, conseguendo illeciti ed apprezzabili vantaggi fiscali, mentre un’altra aveva acquistato blocchi di crediti fittizi dal valore nominale di centinaia di milioni di euro a fronte di un irrisorio corrispettivo effettivamente versato. A seguito delle indagini della Guardia di Finanza, la procura di Savona ha emesso un decreto di sequestro preventivo per l’importo di un miliardo di euro da eseguire sul cassetto fiscale dei 311 soggetti economici coinvolti, detentori dei crediti d’imposta. Si sono aggiunte poi 85 perquisizioni nei confronti di tutte le società generatrici di crediti fittizzi in  Liguria, Piemonte, Veneto, Lombardia, Trentino Alto Adige, Toscana, Emilia Romagna, Lazio, Campania e Puglia.